sabato 25 Giugno 2022
HomeAttualitàRiconoscimento della Federazione Cooking Show al caseificio Giusti

Riconoscimento della Federazione Cooking Show al caseificio Giusti

“Riconoscimento della Federazione Cooking Show al caseificio Giusti per la Mozzarella di bufala Campana. Il critico Michele Cutro: “vera eccellenza gastronomica nel mondo”
L’oro bianco. Quello del caseificio della famiglia Giusti a Pomigliano d’Arco, Torre del Greco e San Giorgio a Cremano. Quello sapientemente modellato dai grandi maestri casari Francesco, Alfredo e Armando. Insomma qualità ed estro nella produzione della vera Mozzarella di bufala Campana Casertana. Qualità ed estro certificate dall’incursione nei caseifici della famiglia Giusti di Michele Cutro, giornalista, scrittore, speaker radiofonico e tra i più noti critici gastronomici italiani. “Una beatitudine golosa, bianca, morbida, seducente per come si lascia mordere, in un irresistibile contrasto di consistenze resistente, quasi croccante , e succhi lievi , che sanno di latte e di vera agricoltura mediterranea Campana di Caserta”, ha detto Michele Cutro nel consegnare i riconoscimenti assegnati dalla Federazione Cooking Show. Con i riconoscimenti della Federazione, per il caseificio di Torre del Greco è arrivato anche quello congiunto della Città di Torre del Greco a firma del Sindaco Giovanni Palomba per “la capacità di far vivere il caseificio come luogo di costruzione della comunità, oltre che per gli aspetti commerciali ed imprenditoriali, e per il ruolo di sviluppo del territorio”.
“Stando al tavolo con i maestri della famiglia Giusti per il pranzo, ho pensato che la mozzarella sia qualcosa di unico – ha affermato Michele Cutro – non è un contorno, non è un primo, non è un secondo: è semplicemente un piatto unico, assoluto. Basti pensare che se la mettiamo al centro del tavolo con dei pomodori e il basilico ( bianco , rosso e verde ) rappresenta assolutamente la bandiera Italiana e per bontà il primo piatto in assoluto”.
Un percorso quello di Michele Cutro cominciato con i Maestri Alfredo, Francesco e Armando con la lezione sulla lavorazione e qualità della vera mozzarella, quella di bufala. “Ringrazio il patrón di casa di Pomigliano, Francesco Giusti di avermi dato consigli di come va degustata la mozzarella a temperatura ambiente rigorosamente nuda”, afferma il critico, che aggiunge: “la mozzarella si degusta senza la contaminazione dell’olio, fosse anche il più buono del mondo . Quando si mangia una Signora Mozzarella come quella del Caseificio Giusti, l’unico accostamento possibile è un pomodoro San Marzano maturo intelligente, con al massimo l’aggiunta di due foglie di basilico per realizzare la madre di tutte le capresi”.

Articoli recenti