martedì 26 Gennaio 2021
Home Cronaca Riportato in Italia boss del contrabbando arrestato in Grecia, latitante da febbraio

Riportato in Italia boss del contrabbando arrestato in Grecia, latitante da febbraio

NAPOLI. E’ giunto a Roma all’aeroporto di Fiumicino, proveniente da Atene (Grecia), Francesco STANZIONE, arrestato il 27 febbraio dalla polizia ellenica.
STANZIONE risultava destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli nei suoi confronti e di altre 8 persone appartenenti a un’organizzazione dedita al traffico internazionale di tabacchi lavorati esteri dall’Est Europa verso l’Italia. In base alle risultanze delle indagini eseguite dagli specialisti del G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Napoli, il predetto sodalizio criminale, responsabile del contrabbando di oltre 30 tonnellate di sigarette, farebbe proprio capo a Francesco STANZIONE.
Il 24 febbraio 2020, nel corso dell’esecuzione della suddetta misura cautelare, Francesco STANZIONE era risultato irreperibile.
Successive indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, consentivano di localizzare STANZIONE in territorio ellenico ove lo stesso poteva contare su numerosi contatti sia nella città di Atene che nella città di Salonicco.
Sulla base delle investigazioni, la DDA di Napoli aveva emesso un mandato di arresto europeo interessando la Divisione SIRENE del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia.
Dopo giorni di ricerche, sulla base di una proficua collaborazione con le Autorità di polizia greche, veniva individuata l’abitazione in cui Francesco STANZIONE aveva trovato rifugio e, dopo una serie di appostamenti, si era portata a compimento anche la cattura di STANZIONE.
Con la sua consegna alle Autorità italiane si può considerare conclusa un’operazione anticontrabbando tra le più rilevanti degli ultimi tempi, che dimostra l’efficacia degli strumenti di cooperazione giudiziaria e di polizia nonostante la sempre maggiore proiezione transnazionale dei sodalizi criminali impegnati in traffici illeciti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

- Advertisment -