domenica 5 Luglio 2020
Home Appuntamenti Ritorna lo spettacolo "La Masa Madre", l'inno alla resistenza alimentare

Ritorna lo spettacolo “La Masa Madre”, l’inno alla resistenza alimentare

NAPOLI. La Masa Madre è uno spettacolo fortunato che ha girato il mondo, da Napoli a Padova, passando per l’Expo di Milano e il festival Operaestate di Bassano del Grappa, da Parigi a Witten, da Zurigo a Caracas e Madrid fino al Festival internazionale di Bogotà, scelto da Coldiretti e Legambiente per la tematica della resistenza alimentare contro il biocidio, supera ormai le 150 repliche.

- Advertisement -

E a Napoli torna – venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 novembre (venerdì e sabato ore 21,domenica ore 18) al Teatro Spazio Libero in via del Parco Margherita 28, Napoli – per accontentare il pubblico che ancora, entusiasta, lo richiede. LA MASA MADRE
di Dario Menee ed Ettore Nigro con Ettore Nigro scene Armando Alovisi – costumi Patrizia Visone/Vitrizia  grafica Luca Serafino – foto Roberta Mazzone

Etico, biologico, lievitato naturalmente. Lo spettacolo La masa madre nasce dall’intuizione dell’attore Dario Menee che, durante la sua permanenza a Buenos Aires, ha studiato e approfondito il mondo dei fornai porteños e l’uso della pasta madre (’o criscito, lo chiamano i napoletani), lievito naturale che si tramanda di generazione in generazione nelle famiglie dei fornai. Lo spettacolo ha poi raggiunto la sua forma definitiva a Napoli con Ettore Nigro che ha firmato la regia.
Lo spettacolo narra la storia di Sante, un ragazzo che vuole diventare fornaio perché ha un sogno: fare il pane per tutti. E così lotta per mantenere viva la pasta madre che ha ereditato dal nonno fornaio. Parte alla volta di Buenos Aires dove inizia a lavorare in un panificio, lotta insieme ai compagni per salvaguardare la naturalezza del pane e distribuirlo a tutti, segnando in tal modo la storia politica e gastronomica dell’Argentina. La masa madre è un inno alla resistenza alimentare, contro l’industrializzazione selvaggia dei processi alimentari che porta alla perdita delle tradizioni gastronomiche, contro la manipolazione dei cibi e dell’essere umano.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Il candidato sindaco Esposito in diretta Facebook risponde agli anastasiani

Sant’Anastasia. Domande e risposte, dal programma elettorale ai problemi della città, dalle criticità alle soluzioni. Il dott. Carmine Esposito, candidato sindaco di e...

Teatro, il ritorno di Massimiliano Gallo con “Resilienza 2.0”

NAPOLI. Teatro, appuntamento all'Arena Flegrea con il noto attore Massimiliano Gallo con lo spettacolo "Resilienza 2.0". Appuntamento sabato 11 luglio.  Massimiliano Gallo torna in scena...

Espropi, condannato il Comune di Massa di Somma

MASSA DI SOMMA. Condannato il Comune di Massa di Somma, "L'ente ha resistito in giudizio con mala fede". Il Tribunale di Nola ha condannato il...

S.Anastasia. Elezioni, Pone: “La fascia non può essere trofeo o feticcio”

SAN'ANASTASIA. Pone: "La fascia non può essere trofeo o feticcio da esibire. Mi impegno per far ripartire Sant'Anastasia". Una diretta sintetica, ma chiara e rivolta...

S.Anastasia. Real Vesuviana: “Giuseppe dalla luce al buio”

SANT'ANASTASIA. Riceviamo e pubblichiamo nota stampa dall' Asd Napoli Real Vesuviana. "Giuseppe è l’uomo, l’evoluzione di un bambino che improvvisamente, a soli sei anni ,perde...
- Advertisment -