giovedì 24 Settembre 2020
Home Appuntamenti Ritorna lo spettacolo "La Masa Madre", l'inno alla resistenza alimentare

Ritorna lo spettacolo “La Masa Madre”, l’inno alla resistenza alimentare

NAPOLI. La Masa Madre è uno spettacolo fortunato che ha girato il mondo, da Napoli a Padova, passando per l’Expo di Milano e il festival Operaestate di Bassano del Grappa, da Parigi a Witten, da Zurigo a Caracas e Madrid fino al Festival internazionale di Bogotà, scelto da Coldiretti e Legambiente per la tematica della resistenza alimentare contro il biocidio, supera ormai le 150 repliche.

- Advertisement -

E a Napoli torna – venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 novembre (venerdì e sabato ore 21,domenica ore 18) al Teatro Spazio Libero in via del Parco Margherita 28, Napoli – per accontentare il pubblico che ancora, entusiasta, lo richiede. LA MASA MADRE
di Dario Menee ed Ettore Nigro con Ettore Nigro scene Armando Alovisi – costumi Patrizia Visone/Vitrizia  grafica Luca Serafino – foto Roberta Mazzone

Etico, biologico, lievitato naturalmente. Lo spettacolo La masa madre nasce dall’intuizione dell’attore Dario Menee che, durante la sua permanenza a Buenos Aires, ha studiato e approfondito il mondo dei fornai porteños e l’uso della pasta madre (’o criscito, lo chiamano i napoletani), lievito naturale che si tramanda di generazione in generazione nelle famiglie dei fornai. Lo spettacolo ha poi raggiunto la sua forma definitiva a Napoli con Ettore Nigro che ha firmato la regia.
Lo spettacolo narra la storia di Sante, un ragazzo che vuole diventare fornaio perché ha un sogno: fare il pane per tutti. E così lotta per mantenere viva la pasta madre che ha ereditato dal nonno fornaio. Parte alla volta di Buenos Aires dove inizia a lavorare in un panificio, lotta insieme ai compagni per salvaguardare la naturalezza del pane e distribuirlo a tutti, segnando in tal modo la storia politica e gastronomica dell’Argentina. La masa madre è un inno alla resistenza alimentare, contro l’industrializzazione selvaggia dei processi alimentari che porta alla perdita delle tradizioni gastronomiche, contro la manipolazione dei cibi e dell’essere umano.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Ballottaggio a S.Anastasia, Punzo: “Incontro il candidato Pone”

SANT'ANASTASIA. La lettera aperta di Rosalba Punzo ai cittadini di Sant’Anastasia. "Carissimi concittadini, il risultato del voto con il quale abbiamo espresso noi tutti la...

Mariglianella. Cuccioli tenuti in pessimo stato, 13 affidati ai volontari

MARIGLIANELLA. I carabinieri forestali della stazione di Marigliano, insieme a personale veterinario dell’ASL locale hanno ispezionato la proprietà di un 58enne di Mariglianella già...

Ubriaco minaccia di morte l’ex moglie per soldi. Arrestato

ERCOLANO-PORTICI. I carabinieri della stazione di Portici hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione un 47enne di ercolanese. L’uomo, come già molte...

Droga e proiettili a Cisterna, sequestro nelle palazzine popolari

CASTELLO DI CISTERNA. Ancora un sequestro nel complesso popolare “ex legge 219” di Castello di Cisterna. I carabinieri della locale sezione operativa hanno rinvenuto,...

Port’Alba, il disco del talento cercolese Achille Campanile

CERCOLA. Undici brani nell'album Port'Alba, scritti da un giovane cantautore cercolese; Achille Campanile è riuscito a cogliere bene l'essenza della musica d'autore. Nonostante il 23enne,...
- Advertisment -