giovedì 1 Dicembre 2022
HomeCultura e SpettacoliRoccarainola, "Emozioni Dipinte" al Museo Civico D'Avanzo

Roccarainola, “Emozioni Dipinte” al Museo Civico D’Avanzo

Venerdì 18 novembre 2022, presso il Museo Civico D’Avanzo di Roccarainola (Na), si è svolta la prima giornata della mostra di pittura “Emozioni Dipinte”, a cura del Museo Civico D’Avanzo, con il Patrocinio del Comune di Roccarainola, che ha visto la partecipazione di cinque talentuosi artisti: Celeste Napolitano, Maria Brillante, Giovanna Secondulfo, Serena D’Onofrio, Mario De Cicco.

 

Celeste Napolitano vive a Cicciano, artista seconda classificata alla mostra di pittura estemporanea “I colori di Roccarainola” del 2021. Ha partecipato alla mostra internazionale “Tributo a Dante”, a cura dell’artista Generoso Vella, presso il Museo Irpino di Avellino.

Ha esposto a Napoli, Roma, Avellino; a Madrid alla mostra il bando Internazionale “De Corazon”; poi ancora in provincia di Alessandria con Echorama Mail Art Project, a Napoli in Piazza Mercato ha partecipato all’attacco d’arte, con produzione di versi su serrande.

Autrice della copertina di un libro “Quann’ ero peccerella” di Stefania Guarracino.

Al Premio Internazionale  “Città di Firenze” ottiene Segnalazione della Giuria”Vince il Primo premio in “Carbonara Dipinta” premio di estemporanea presso Carbonara di Nola.

La sua tecnica è molto particolare e personale, aperta al nuovo, predilige l’acrilico, ricerca nuove forme espressive, usando pezzetti di vetro che, con grande cura, ne trae dei capolavori con i quali  riesce a trasmettere le sue emozioni. Artista di grande umiltà, e con un talento davvero eccezionale; la sua arte nasce nel laboratorio di suo padre, corniciaio a Cicciano (Na), molto conosciuto dai pittori che gli si rivolgono per incorniciare le proprie opere.

Celeste è vissuta tra quadri e artisti e ne ha saggiato la bellezza e l’odore delle pitture varie. Si definisce autodidatta, come in realtà lo sono tanti grandi artisti, perchè, è anche vero che il dono del saper creare è innato.

Maria Brillante, vive a Nocera Inferiore, ha partecipato a vari premi e collettive, ricevendo diversi riconoscimenti. Predilige la tecnica dell’acrilico e ama dipingere su legno e su tessuti, creando delle piccole opere d’arte. Invito a farsi una passeggiata sul suo profilo facebook per poter ammirare le sue creazioni che sono semplicemente meravigliose.

Insegnante e madre, si avvicina all’arte durante il periodo di lockdown, dove cerca di dare spazio al suo desiderio innato di creare e rendere pubbliche le sue emozioni; e ci riesce bene, a tal punto di produrre in breve tempo una stupenda collezione artistica che invito a visionare.

I suoi quadri ritraggono spesso figure femminili, soprattutto bambine, in pose che lasciano sognare ed emozionare, sguardi  affacciati alla finestra, immerse nei sogni di un futuro che lascia presagire ciò che il pubblico ama immaginare.

Presente in diversi cataloghi artistici e con una sua illustrazione nel libro: “Per un pizzico di felicità”: Trattato semiserio di una pedagogia rovesciata di Silvano Vincenti.

Ha realizzato la copertina del romanzo “Sorelle 2.0” di Marcello Morgera- edito da Pathos Edizioni.

 

Giovanna Secondulfo, di San Giuseppe Vesuviano, sperimenta varie tecniche dalla materica, fluid art e la corrente impressionistica.

Presente  nell’estemporanea di “Carbonara Dipinta” dove  ha dipinto una panchina pubblica con tema letterario.

Ha partecipato a “I colori di Roccarainola” classificandosi al terzo posto e con mostra pubblica all’evento” Palma Estemporanea”.

Ha collezionato diverse esperienze artistiche, come la decorazione di uova pasquali per lo chef stellato Antonino Maresca presso Ro World Nola.

I dipinti dell’artista sembrano uscire da mondi paralleli, dove le forme, evanescenti, si avvicinano di più al sogno, ai colori onirici, inafferrabili, ma che si incidono nel nostro inconscio. Sembrano tirare fuori dal sè, il mondo fantastico femminile, con un tratto di poetica,  che l’artista riesce ad esprimere attraverso la combine dei colori, che il suo animo inconsciamente esprime.

 

Serena D’Onofrio, artista di Cervinara (Av), dopo aver studiato all’accademia delle belle arti a Napoli, inizia il suo lavoro realizzando opere su commissione. Organizzatrice di eventi, partecipa a tante mostre collettive in Campania, in Venezuela, Costa Rica, Lazio e Veneto. Il suo stile è quello del surrealismo, ma non mancano note astrattistiche e impressionistiche. Le opere di Serena parlano della sua visione dell’essere donna e femmina; infatti le sue opere sono intrise  di sensualità e bellezza, riportando alla mente altri grandi artisti che hanno saputo cogliere, come lei, il momento giusto per immortalare su una tela emozioni da rendere eterne.

 

Mario De Cicco, nasce a Torino, originario di Lauro, segue nei suoi studi i grandi maestri del passato da Caravaggio, Michelangelo a Bouguereau.  Laureato all’Accademia delle Belle Arti di Napoli; per quattro anni espone le sue opere con otto mostre personali a Lauro e Taurano.

Nel 2020 espone la sua opera “Volto di ragazza” alla mostra collettiva  “L’arte come rappresentazione di ideali irraggiungibili”, curata dall’associazione ” Napoli Nostra” presso la “Galleria Pigna” nel Palazzo Maffei Marescotti a Roma.

Vince il terzo premio al concorso internazionale artistico “Baiano in versi tra l’Eremo e il cielo” del 2022.

Espone la sua opera “La Madonna Addolorata” nella Parrocchia di Santa Margherita e San Potito a Lauro.

Vince il primo premio al concorso internazionale artistico “La fontana dell’amore” a Mugnano del Cardinale (2022); partecipa alla IV edizione dell’estemporanea “I Colori di Roccarainola”.

Partecipa con la sua opera “Volto di ragazza” all’esposizione internazionale “Rostros del mundo” curata dal comitato Encuentro de Las Artes Plàsticas.

L’arista nelle sue opere usa tecniche tradizionali, come la pittura ad olio, la grafite, la sanguigna. Le sue opere sono molto apprezzate per la loro bellezza e per le sue tematiche romantiche. I quadri del De Cicco sanno emozionare, perchè riescono a trasmettere d’impatto ciò che i suoi tratti particolari hanno impresso.

Ha moderato l’evento la  d.ssa Raffaella De Stefano e relazionato la d.ssa Lina D’Avanzo.

Sono seguiti i saluti istituzionali dell’Avvocato Giovanni Sirignano, Presidente del Consiglio Comunale e del Presidente del Museo ,Carmine Centrella. Fondamentale la presenza e la grande esperienza del maestro Federico Natale che è una colonna portante del Museo di Roccarainola.

Hanno partecipato come hostess le allieve dell’Istituto IPSSEOA (Carmine Russo) di Cicciano (Na)

La mostra sarà aperta e visitabile fino a Domenica 20 novembre.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti