giovedì 29 Settembre 2022
HomePoliticaS.Anastasia. Abete si candida a sindaco e presenta le sue liste: "Indietro...

S.Anastasia. Abete si candida a sindaco e presenta le sue liste: “Indietro non si torna”

SANT’ANASTASIA

. Ieri Lello Abete, già presidente del consiglio comunale, ha sciolto la riserva e si è candidato a sindaco come guida del gruppo politico uscente dall’ultima Amministrazione, ed ha presentato anche il suo gruppo di liste civiche forte del motto «Indietro non si torna».

I punti del suo intervento pubblico: compensazioni per i vincoli della zona rossa, politiche sociali al centro dell’azione amministrativa, scuole, viabilità, sviluppo, ammodernamento del territorio.
Tre liste civiche, forse quattro quelle che lo sosterranno, ha spiegato nella sede di via Marconi. «Che guardano esclusivamente agli interessi del paese e si pongono fuori dal tradizionale schema dei partiti più noti» – dice. Un’azione certosina di coinvolgimento «per ricompattare ed ampliare la comunità di uomini e donne che intendono proseguire nell’opera di ammodernamento del territorio intrapresa dalla nostra squadra di governo negli ultimi 40 mesi”.
Molti fan entusiasti, ai quali Abete ha elencato e rivendicato i risultati raggiunti in questi ultimi anni. «Nonostante il taglio dei Trasferimenti, oltre il 40%, il Patto di Stabilità, la Spending Review e la serie di Vincoli che riducono in maniera siderale il margine di azione». «Abbiamo dimostrato, rispetto a coloro che ci hanno preceduto, grande capacità di governo, in una condizione diversa e di svantaggio. Questo è un segnale chiaro che mi auguro possa essere colto dai nostri concittadini» – aggiunge il candidato sindaco che poi entra nel vivo con i programmi, le cose da fare.
«Intendiamo dare al paese una proposta di qualità – spiega Abete –individuando temi ed obiettivi di rilievo per acuire l’indice di benessere e decoro del nostro territorio». Tra i presenti, molti dei quali saranno tra i candidati, si apprezza la concretezza di Abete, la volontà di non recedere da una strada già intrapresa e che stava dando i suoi frutti in termini di decoro e sviluppo per Sant’Anastasia. «Sono soddisfatto delle adesioni alla lista – continua Abete – giovani, donne, professionisti, lavoratori, e quasi tutti coloro che ci hanno accompagnato nell’avventura amministrativa. Perché il nostro obiettivo è stato sempre quello di determinare la migliore selezione possibile, per costruire una squadra vincente e di sostanza».
L’obiettivo è vincere e continuare nel perseguimento di quei punti programmatici e nella scaletta delle priorità già tracciata. La questione Condoni, ma anche «la battaglia per vedersi riconosciute le misure compensative previste dalla Zona Rossa». Grande attenzione per la tutela dell’ambiente, per la messa in sicurezza e l’ammodernamento del territorio, la viabilità, le politiche sociali che «necessitano di progetti a lunga gittata capaci di dare un sollievo concreto e non limitato al momento» e le scuole, che Abete giura “«di mettere al centro della propria azione perché fondamentali nel processo di sviluppo sociale ed economico».
Un incontro che è terminato con la presentazione dei simboli che accompagneranno le liste nella fase calda di questa campagna elettorale, che ormai è alle porte. E Abete per “galvanizzare” i supporter: «Abbiamo anticipato tutti, merito certamente del grande lavoro svolto in questi anni. Siamo l’unica alternativa credibile ai partiti e questa è una grande responsabilità che dobbiamo onorare. Per noi stamane è iniziata la campagna elettorale. Andiamo avanti uniti per dare al paese ed ai nostri figli una speranza in più».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti