lunedì 14 Giugno 2021
HomeAttualitàS.Anastasia. Associazioni "sfrattate" e mancanza di spazi. Protesta in piazza

S.Anastasia. Associazioni “sfrattate” e mancanza di spazi. Protesta in piazza

SANT’ANASTASIA. Continua la spinosa questione del dislocamento delle associazioni presenti alla biblioteca di via Arco, Giancarlo Siani. Dopo la decisione di spostare i volontari, per far fronte alla mancanza di spazi scolastici e ospitare alcune classi del Primo Istituto Comprensivo Tenente Mario de Rosa (ricordiamo che al plesso di via Regina Margherita ci sono ben 8 aule chiuse dal 2017 per mancanza di requisiti sismici ) per l’attuazione del distanziamento sociale tra alunni e personale scolastico causa l’emergenza coronavirus, le associazioni chiedono a gran voce una nuova e definitiva sede per continuare le attività. L’ “Uici” (associazione ciechi ed ipovedenti), la Mir, il comitato genitori dei diversamente abili e gli studenti che frequentavano la biblioteca hanno deciso di riunirsi in un Sit-in giovedì 10 settembre a piazza IV Novembre (conosciuta come piazza Monumento) per sensibilizzare gli organi competenti a trovare una nuova sede. Purtroppo questa è la seconda volta che le associazioni subiscono uno “sfratto”, già alcuni anni fa hanno dovuto lasciare il Centro Liguori, in via San Giuseppe, per ospitare la platea scolastica che a sua volta era rimasta senza “sede” per l’inagibilità del plesso Sodani, oggi in totale stato di abbandono. Insomma una situazione paradossale dove il territorio vive due gravi criticità: l’assenza di spazi scolastici e la precarietà del supporto alle fasce deboli. L’impegno per una risoluzione definitiva alle due problematiche, per il bene dei cittadini soprattutto di coloro che sono coinvolti, ricadrà sicuramente sul prossimo sindaco, sperando che almeno lui o lei, riesca finalmente a dare una sede definitiva alle associazioni e ad ripristinare efficientemente l’edilizia scolastica.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti