giovedì 23 Settembre 2021
HomeAttualitàS.Anastasia. Centro Siani, la lettera del presidente dell'Uici

S.Anastasia. Centro Siani, la lettera del presidente dell’Uici

SANT’ANASTASIA. Riceviamo e pubblichiamo nota stampa di Giuseppe Fornaro, presidente Uici.

“Eppure il vento soffia ancora. Non ho ancora capito se la confusione di questo periodo dipende dall’aria di propaganda oppure, piu’ semplicemente, altre logiche stanno prendendo piede soppiantando quelle piu’ semplici. Le iniziative  pare non manchino da nessuna parte: muri che si alzano e bombe che si lanciano in mare aperto verso il cattivo operato dell’uno o dell’altro. Resta vivo quel richiamo allo spirito di solidarietà  dove  addirittura sento di proposte ad una colletta tra aspiranti sindaco. Ma perche’ non fare una colletta per scuole? La risposta è anche semplice, non c’è bisogno, visto che di soldi ne sono arrivati per le scuole. Ma a parte le mie considerazioni mi chiedo:qualcuno avra’ pensato di capire quanti bambini vi sono in questo anno scolastico e di quante classi  si ha veramente bisogno? Avranno poi pensato di utilizzare i soldi destinati ai nuovi arredi prevedendo  pareti divisorie mobili laddove nelle scuole esistono spazi ampi non utilizzati? Sembra invece che tutto sia stato piu’ risolvibile requisendo gli spazi ai disabili  e fare nuove opere murarie. Personalmente  non capisco perché non si sia partiti dal semplice, potremmo scoprire che in alcune scuole i bambini non sono nemmeno in numero sufficiente per riempire le aule e i soldi di arredo basterebbero addirittura anche a pareti divisorie  che potrebbero essere facilmente rimosse dopo il periodo covid.  Infine  sfrutterei molto piu’ semplicemente questo spirito di solidarietà che aleggia tra gli aspiranti sindaco,in che modo?  Semplicemente facendo loro scegliere una disabilità (scegliendola sono già privilegiati) e vivendola per una sola settimana. Scegliere di bendarsi in modo da non vedere niente o di  vivere con tappi ben inseriti nelle orecchie fino a non sentire, sedersi in una sedia a ruote alzandosi solo la sera per andare poi a letto, oppure  fare tutte le cose a metà dovendo relegarne l’altra metà ad un‘ altro, dal caffè del mattino all’igiene personale, alle incombenze quotidiane e per 24 ore su 24;  solo poi sedersi insieme e discutere dei problemi dei disabili. Questa si che sarebbe una bella colletta,  i disabili pur apprezzando ogni forma di solidarieta’ apprezzerebbero tantissimo una colletta di ore della loro vita in questo modo, un impegno del loro tempo  come persona e come cittadino per  capire i reali problemi della  città che si propongono di governare e che spesso non solo non li aiuta ,ma li danneggia .Eppure il vento soffia ancora. Giuseppe Fornaro”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti