sabato 23 Ottobre 2021
HomeAppuntamentiS.Anastasia. 'Gocce d'Acqua' la suggestiva mostra al Santuario dell'Arco

S.Anastasia. ‘Gocce d’Acqua’ la suggestiva mostra al Santuario dell’Arco

Sant’Anastasia. Domani l’inaugurazione del vernissage “Gocce d’Acqua”, al Santuario opera senza autore; installazione artistica ideata da Giuseppe Ottaiano.

“Laudato si’, mi’ Signore,  per sor’ Acqua, la quale è multo utile et humile
e preziosa e casta” è questo lo spirito dell’iniziativa “Gocce d’Acqua”, la mostra che si terrà dal 15 al 25 ottobre al Santuario di Madonna dell’Arco. L’installazione artistica ideata da Giuseppe Ottaiano gode del sostegno di “Terre di Campania”, Gori, Regione Campania, Comune di Sant’Anastasia e del Santuario di Madonna dell’Arco; le opere sono dedicate all’acqua, alla sua importanza e alla necessità di ricondurre il suo significato a quello primordiale dell’umanità. Acqua che culla il feto nell’utero, che dà sostanza e linfa alla madre terra, che lava e purifica l’anima e il corpo dell’uomo; generatrice femminea dell’umanità e sulla base di ciò, la scelta è ricaduta proprio sul Santuario di Madonna dell’Arco come location simbolica della mostra. Questa mattina si è tenuta la conferenza stampa dell’evento nell’aula consiliare di Palazzo Siano con il sindaco Carmine Esposito, l’assessora Veria Giordano, il priore Gianpaolo Pagano, il medico Luigi De Simone e l’ideatore dell’iniziativa Giuseppe Ottaiano. Foto

Durante l’incontro, l’assessora Giordano ha colto il momento per annunciare ufficialmente che Luigi De Simone sarà il direttore artistico degli eventi culturali che si terranno a Sant’Anastasia; una scelta dettata anche per l’impegno profuso dal medico negli anni per preservare e rilanciare le antiche tradizioni anastasiane: «Con questo evento ufficialmente Luigi De Simone viene presentato come colui che supporterà tutti gli eventi culturali che come Ente andremo a proporre da quì in avanti». Sul vernissage, invece, Giordano commenta: «Ringrazio il sindaco che risponde sempre positivamente a tutte le proposte culturali che gli vengono fatte e il priore per l’ospitalità. Ho visto la mostra per la prima volta sul web e me ne sono subito innamorata, proprio per il significato che porta avanti» infatti l’iniziativa è itinerante e Sant’Anastasia è la terza tappa dopo quella irpina e sorrentina. «Come Ente abbiamo lo scopo di proporre la cultura e il turismo partendo da quelle che sono le nostre radici come il Santuario, nostro patrimonio che vorremmo valorizzare», così termina l’assessora. É intervenuto anche il neo direttore artistico De  Simone: «Sono onorato di dare il mio contributo e l’ esperienza al territorio. Questa occasione è beneaugurante; l’acqua è utile, umile, preziosa e casta». Il priore Pagano, che ha dato piena disponibilità all’iniziativa, commenta: «Ho accolto con entusiasmo questa proposta. Papa Francesco nel Laudato si’ definisce il problema dell’acqua come una questione educativa e culturale. Lunedì come domenicani abbiamo organizzato una tavola rotonda per sensibilizzare la questione senza cadere negli ideologismi e con il fine di valorizzare il territorio e sensibilizzare le nuove generazioni». «Campania bellezza del creato è un progetto che nasce da un percorso in Regione Campania. L’idea era quella di conoscere il territorio, la nostra regione è un fantastico scrigno; documentare le sue bellezze è stata un’avventura lunga quasi 20 anni. Il tema che più mi ha affascinato è stato proprio il tema dell’acqua» così l’ideatore Ottaiano, continua: «bisogna essere come l’acqua capaci di non legarsi alla terra ma di avere la possibilità di creare un percorso, ed è questo che mi ha spinto ad ideare iniziative che vanno in questo senso» ed ecco l’idea, quindi, dell’installazione artistica dedicata all’importanza dell’acqua. Il primo cittadino ha poi spiegato il valore della cultura e che il programma della sua Amministrazione è mirato proprio a dare spessore a tutte le iniziative che si svolgeranno nei prossimi mesi: «Apriamo questa nuova fase in presenza per discutere di temi importanti come l’acqua; riteniamo che la cultura, l’arte e la conoscenza rappresentino una crescita culturale e civile delle popolazioni e soprattutto abbiamo l’obiettivo di trasmettere tutto ciò alle generazioni future». L’inaugurazione della mostra si terrà domani venerdì 15 ottobre alle 18 nella Sala Capitolare del Santuario con il priore Pagano, il sindaco Esposito, l’assessora Giordano, l’assessore Ciro Pavone, don Lino D’Onofrio parroco della collegiata Santa Maria delle Grazie di Marigliano, l’ideatore dell’iniziativa Ottaiano e la giornalista Maddalena Veneruso. Lunedì 25 ottobre alle 19,30 invece sempre nella suggestiva sala il convegno: “Il problema dell’acqua, una questione educativa e culturale” con il presidente dei Periti Agrari di Napoli Biagio Scognamiglio, l’archeologo Antonio De Simone, la ricercatrice di Idrogeologia Silvia Fabbrocino e la scrittrice del movimento dei Focolari Diana Pezza Borrelli. L’evento si svolgerà in presenza e in diretta streaming sulla pagina Facebook del Santuario di Madonna dell’Arco.

Leggi anche

“Gocce d’Acqua”: nuova esposizione al Santuario della Madonna dell’Arco

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti