mercoledì 21 Aprile 2021
HomeAttualitàS.Anastasia. La città ricorda la sua Raffaella Esposito Alaia con una targa

S.Anastasia. La città ricorda la sua Raffaella Esposito Alaia con una targa

SANT’ANASTASIA. Una targa per in memoria di Raffaella Esposito Alaia. Si era tuffata per salvare due ragazzi in difficoltà nelle onde agitate di Paestum ed era annegata l’operatrice sociale residente a Sant’Anastasia, Raffaella Esposito Alaia di 34 anni.

Secondo una prima ricostruzione, lei, che era da poco giunta in un camping della zona insieme a un gruppo di bambini della comunità di Acerra, vedendo i due ragazzi in pericolo per le onde insidiose del mare non esitò a cercare di tirarli fuori con l’intervento di bagnini, perdendo però la propria vita. In una chiesa gremita si è tenuta ieri la Santa Messa in suffragio, cui hanno partecipato anche il consigliere Filippo Guadagni, il consigliere Rea Franco e il sindaco Lello Abete.

“Per l’atto eroico compiuto e per aver messo al primo posto la vita dei due ragazzi sacrificando la propria – dice il sindaco Lello Abete – ho annunciato la volontà dell’Amministrazione di dedicare alla donna una targa, ma solo se la famiglia esprimerà il proprio consenso. Una targa per una ragazza modello, esempio di vita e di professionalità, ricca di valori come l’altruismo, la generosità e la solidarietà. Valori che oggi sono rari in un mondo in cui si muore fra l’indifferenza della gente come è avvenuto a Barcellona o come avviene in altre strade e piazze. Raffaella ha dimostrato di avere amore per gli altri ed un inestimabile valore umano e sociale”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti