giovedì 24 Giugno 2021
HomeAttualitàS.Anastasia. Lettera di neAnastasis: 'Nostre istanze mettono a disagio'

S.Anastasia. Lettera di neAnastasis: ‘Nostre istanze mettono a disagio’

Sant’Anastasia.Riceviamo e pubblichiamo nota stampa dell’associazione civica NeAnastasis

Le Amministrazioni comunali si mostrano tutte sempre propense ad ascoltare cittadini ed associazioni, in teoria. Nella pratica, invece, fanno spesso cadere nel vuoto lettere e documenti di cittadini ed associazioni che cercano, con critiche ma anche con proposte, di partecipare alla vita pubblica.  E’ questo il caso di documenti a firma dell’associazione neAnastasis e di altre associazioni, inviate tramite protocollo al Sindaco, agli assessori e a tutti i consiglieri comunali. A parte le difficoltà di reperire i contatti di posta elettronica di questi soggetti istituzionali, finora ancora assenti sul sito del Comune, questi documenti sono stati faticosamente fatti recapitare ad uno ad uno a tutti i soggetti sopra citati, ma nessuno ha fornito la benché minima risposta. Qualche assessore che è stato poi direttamente interpellato si è ben guardato dal pronunciarsi,  giustificandosi dicendo che “non è questo il momento di soffermarsi su singoli interessi di cittadini”, quasi come se le questioni sollevate nei documenti citati appartenessero alla sfera di interessi personali e non fossero, invece, di interesse dell’intera collettività. Probabilmente le nostre istanze mettono a disagio qualcuno per il suo operato nel recente passato ma non per questo ci stancheremo di ribadirle, convinti di adempiere in pieno allo spirito di cittadinanza attiva che finora ci ha sempre guidato, scevro dalla logica di creare sterili polemiche. Portiamo allora anche all’attenzione della città le domande avanzate, alcune oggetto anche di question time in Consiglio comunale.

 

  • La sentenza del “Consiglio di Stato”, scaturita da un ricorso del Comune, e relativa agli abusi realizzati nell’area Parco Tortora Brayda, rispetto alla quale l’Amministrazione stranamente aveva dichiarato in Consiglio comunale di non esserne a conoscenza, è stata nel frattempo “approfondita”? Se sì, quali sono le azioni che si intendono intraprendere?

 

  • Qual è l’opinione dell’Amministrazione sulla proposta di un suo assessore di alienare la villa Tortora Brayda?

 

  • Cosa si sta realizzando in Via S. Pertini dell’area del noccioleto di proprietà del comune? A quale progetto si riferiscono questi lavori sommari?

 

  • Con la costruzione di un supermercato in via Romani, era stata avviata la realizzazione di un’area a verde con parco giochi. Perché ancora oggi la struttura rimane chiusa e incompiuta?

 

  • Il PUC, a fronte di ben due progetti redatti e pagati (circa 500.000€?), si trova ancora in uno stato di limbo. Attualmente esiste una delibera di Giunta per un terzo incarico. Ci domandiamo: ma quanto i cittadini dovranno ancora pagare per avere finalmente un piano urbanistico?

 

Associazione civica neAnastasis

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti