martedì 27 Luglio 2021
HomeAttualitàS.Anastasia. Mir: "Per la seconda volta i minori a rischio traditi"

S.Anastasia. Mir: “Per la seconda volta i minori a rischio traditi”

SANT’ANASTASIA. Senza casa i ragazzini della Mir, l’indignazione dei volontari. Per la seconda volta i minori a rischio traditi dal Comune. Colpa del Covid?

Non c’è pace per la “Mir odv”, l’ associazione di volontariato più longeva del territorio. “Vent’anni e passa di assistenza ai bambini con problemi scolastici”. Sbotta così Anna Busiello, presidente della Mir, dopo aver letto la delibera commissariale con la quale è stata ufficializzata la notizia che nel Centro Polifunzionale “Siani” di via Arco (dove è allocata
anche la biblioteca comunale), verranno trasferite alcune aule della scuola “Tenente De Rosa”. Una vita passata a togliere ragazzini dalla strada. “E’una vergogna” commenta a caldo la vice Maria Maione. “Siamo indignate -prosegue- Ad ogni cambio di amministrazione diventiamo pezza da piedi, nonostante in 25 anni abbiamo reso un servizio sociale al
territorio”.- “Per la seconda volta ci mandano via per favorire l’istituto “De Rosa” incalza di rimando la presidente. La prima volta abbiamo dovuto traslocare dal Centro “Liguori” per
consentire l’ampliamento della scuola. Ora il Covid. “Perché il problema non è pure delle altre scuole? Tanti anni di sacrificio buttati all’aria”. Ormai la decisione è stata presa. La conferma arriva direttamente dagli uffici comunali: “Le associazioni dovranno lasciare la struttura per far spazio alla scuola”. Poi saranno i funzionari del servizio Politiche Sociali del Comune a trovare un’alternativa. Ma nessuno ci crede. Il sospetto, dicono dall’associazione, è che si rinvia per girare l’incombenza al sindaco ed all’amministrazione che uscirà vincente dal voto del 20 e 21 settembre. “E’ stata una grande delusione il comportamento della Commissaria Stefania Rodà” conclude la presidente. “Intanto doveva prima trovare l’alternativa per tutte le associazioni e poi avvisarci ufficialmente dandoci il
tempo adeguato per provvedere”. Ricordiamo che il Centro Siani ospita diverse associazioni e gli studenti universitari che utilizzano la sala studio per preparare gli esami.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti