giovedì 4 Marzo 2021
Home Politica S.Anastasia. Positivo al Covid, polemiche e calunnie contro l'ass. Trimarco

S.Anastasia. Positivo al Covid, polemiche e calunnie contro l’ass. Trimarco

SANT’ANASTASIA. Una brutta storia quella che ha coinvolto l’assessore al Bilancio e vice sindaco di Sant’Anastasia Mario Trimarco, che dopo essere risultato positivo al Covid, ha subito calunnie da parte di chi sosteneva di aver mandato suo figlio a scuola nonostante l’esito del tampone. É lo stesso Trimarco a smentire “voci” prive di qualsiasi fondamento, ed è lo stesso assessore a spiegare l’accaduto e ad ribardire il suo atteggiamento scrupoloso nei confronti della comunità. Una “sterile polemica” che lo ha coinvolto, come si intuisce nel post da lui stesso scritto, nelle chat Whatsapp.
“Scrivo solo oggi perché trascorsi un po’ di giorni dall’evento, quindi non per fare polemica ma solo per far riflettere. Quando settimane fa sono risultato positivo al Covid, io e la mia famiglia abbiamo ricevuto tanti attacchi, ebbene sì, prima ci hanno accusato di aver mandato mio figlio a scuola sapendo che fossi già positivo; poi dal giorno successivo dell’esito del tampone, quando mio figlio non è più andato a scuola hanno detto che anche lui fosse positivo; tutto queste polemiche si sono fermate solo quando il tampone di mio figlio ha avuto esito negativo e mia moglie lo ha girato alle altre mamme! Beh posso dirvi che mi sono sentito offeso, e non per il ruolo che oggi mi onoro di ricoprire, e per il quale non avrei mai potuto avere un atteggiamento superficiale essendo risultato positivo, ma come padre, perché non avrei mai potuto mettere a rischio la salute di altri bambini, sarebbe stato come mettere a rischio la salute di uno dei miei figli! Chi vi scrive è da due settimane da solo in una stanza, separato dal resto della mia famiglia (comunque in quarantena dal primo giorno) e vi scrivo solo per dirvi che questo non è l’insegnamento che dovremmo lasciare a loro…i nostri figli! La solidarietà non è solo quella di un pacco alimentare. Tutti questi atteggiamenti non aiutano noi e la nostra vita in questo momento particolare (riflettiamo su ciò).”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti