domenica 27 Settembre 2020
Home Cronaca S.Giuseppe/Ottaviano. Oltre 100 colpi in sei mesi, sgominata banda di ladri e...

S.Giuseppe/Ottaviano. Oltre 100 colpi in sei mesi, sgominata banda di ladri e ricettatori

SAN GIUSEPPE VESUVIANO. Scoperta e sgominata una banda di ladri che agivano in appartamenti e aziende agricole (tutti cittadini romeni) ed i loro ricettatori italiani.

Questa mattina i carabinieri della Compagnia di Lagonegro (Potenza) in collaborazione con i colleghi delle Compagnia di Nola e Torre Annunziata hanno eseguito 11 misure cautelari disposte dal Gip del tribunale potentino Vittorio Del Sorbo. I militari (agli ordini del capitano Luigi Salvati) hanno notificato sette ordinanze a persone già detenute (furono arrestati il 7 febbraio nell’ambito di questa indagine partita lo scorso settembre e coordinata dal pm Vittorio Russo), ne hanno eseguite altre cinque (compresa una che comporta l’obbligo di firma) e stanno cercando sei componenti della banda al momento irrintracciabili. Le accuse sono quelle di associazione per delinquere finalizzata ai furti e ricettazione. In carcere sono finiti Vasile Stefan Mutuiliga residente a San Giuseppe Vesuviano, Aldo Vanese, San Giuseppe Vesuviano, 47 anni, Raffaele Cammarota 66 anni di Castellammare di Stabia, Francesco Annunziata, 44 anni di San Gennaro Vesuviano, mentre per Francesco Scudieri 53 anni di Ottaviano è stato disposto l’obbligo di firma.
Nel corso delle indagini, cominciate sei mesi fa, i carabinieri sono riusciti a ricostruire circa 100 colpi eseguiti tra il potentino, il salernitano e poi l’area casertana (Vairano Scalo e Maddaloni) e il vesuviano. La banda di romeni si era specializzata nel compiere furti “in serie”, anche nella stessa notte, in case di campagna, aziende agricole e industriali in Basilicata, ma da lì si erano spostati in Campania finendo anche nel Lazio ed in Emilia-Romagna. Principale obiettivo dei ladri, in particolare nelle aziende industriali, era il rame e a volte per prenderne anche un piccolo quantitativo finivano per fare danni economici maggiori, rendendo inutilizzabili celle frigo che costavano svariate migliaia di euro. Quando non trovavano il rame portavano via di tutto: dai soldi agli oggetti preziosi, dalle attrezzature al gasolio. La merce veniva poi rivenduta, appunto, in provincia di Napoli con l’ausilio dei ricettatori arrestati stamattina. Le indagini sono cominciate da un colpo messo a segno a settembre 2013 proprio a Lagonegro, con il lavoro di intelligence i militari del capitano Salvati sono riusciti a ricostruire il modo di operare della banda. I ladri si muovevano velocemente, a bordo di auto di grossa cilindrata, per rubare in zone diverse nella stessa notte. Le indagini però continuano, sembra che la stessa banda abbia agito anche in altre nazioni europee.

- Advertisement -
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna".
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Covid. L’incubo di una famiglia di Cisterna: “Da giorni attendiamo risposte”

CASTELLO DI CISTERNA. Una vera e propria Odissea quella che sta vivendo una famiglia residente a Castello di Cisterna; mamma, papà e bimbi sono...

Bimbi al sicuro. Sequestrati 35mila articoli dannosi, 11 denunciati

Ottaviano. Garantire che i prodotti usati a acuola dai bambini siano sicuri, con questo scopo i Reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza...

Anziana derubata dalla badante. I preziosi ritrovati nel frigo

PORTICI. I carabinieri della Stazione di Portici hanno denunciato per furto aggravato una 41enne di origine romena. La donna badante di una 85enne, solo...

Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso” a S.Vitaliano

SAN VITALIANO. Nell’auditorium di San Vitaliano (NA) si svolgerà sabato 26 Settembre 2020, a partire dalle ore 18:00, la settima edizione del prestigioso Premio...

Saviano. Covid, focolaio alla Casa di Riposo. L’intervento dell’Asl

SAVIANO. A seguito del ricovero presso l’ospedale di Nola di un’ospite per un sospetto attacco ischemico transitorio (tia), avvenuto lo scorso 17 settembre 2020,...
- Advertisment -