mercoledì 28 Settembre 2022
HomeAppuntamentiSabato i festeggiamenti della Paranza d'Ognundo

Sabato i festeggiamenti della Paranza d’Ognundo

Dopo mesi di pausa e di concitata attesa, finalmente ritorna la festa tanto adorata dal popolo sommese, la Festa della Montagna; tammurriate e pratiche devozionali per la Madonna di Castello, per la Madonna Pacchiana. In molti verranno ad onorare la paranza d’Ognundo, che il prossimo 26 aprile, celebrerà il Sabato dei Fuochi presso la località della Novesca.

La festa della Montagna che si svolge a Somma Vesuviana dal 26 Aprile al 3 Maggio 2014 ha come intento quello di far conoscere quanto di più significativo è stato espresso nell’ambito della cultura popolare oggi in Italia: Religiosità Popolare, Cultura, Tradizione, Rispetto per l’Ambiente ed il Creato, Devozione, Pietà Popolare.

“Il “Sabato dei Fuochi” (sabato in albis), le tammurriate, le irrefrenabile danze, l’incessante ritmo delle tammorre, la reversibilità del tempo, promuovono, cerimonialmente e periodicamente, la dimensione altra dell’evento festivo; qualcosa di grande e significativo, uno stato superiore all’ordinario, come fase di superamento e di sospensione del quotidiano. La sensazione – afferma il Prof. Fabio Birotti, etno-antropologo – che subito cresce nell’animo di chi si accinge al sabato dei fuochi o si accosta alla stessa paranza d’Ognundo, è di vera e propria vertigine; è come trovarsi in un santuario mistico e carnale, semplice e prezioso, dove l’icona oggetto di culto si manifesta come specchio del mondo e del volto nascosto di ognuno di noi, santo e grifagno, adolescente e morente. La festa (dal “Sabato dei Fuochi” al 3 Maggio, detto “’o tre r’’a croce”) i canti “a’ffigliola”, le tammurriate e soprattutto la nostra paranza d’’o Gnundo, ancora oggi esercitano incessantemente una funzione reale e riempitiva all’interno della comunità e della tradizione sommese.”

Ricco ed intenso il programma della giornata del 26 aprile. Due sante messe (ore 10 e ore 12,30), il rituale alzabandiera (ore 11,45), pranzo con l’astinenza dalle carni (ore 13,45). Al pomeriggio spazio ai canti e ai balli della tradizione popolare folckloristica sommese. A Sera, il Canto à Figliola (canto alla Madonna), l’accensione dei falò. e lo spettacolo pirotecnico, conclude il cerimoniale.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti