martedì 30 Novembre 2021
HomeCronacaSamara challenge, Borrelli e Simioli:“Si ponga fine a questo macabro gioco"

Samara challenge, Borrelli e Simioli:“Si ponga fine a questo macabro gioco”

Egea - Black Friday

Samara challenge, Borrelli e Simioli: “Si ponga fine a questo macabro gioco prima che qualcuno si faccia male sul serio. Forze dell’ordine intervengano fermando i cosplayer per turbativa dell’ordine pubblico”

“Avevamo lanciato l’allarme qualche giorno fa sulla pericolosità del Samara challenge, quando in diversi punti della città sono apparse delle cosplayer vestite come la bambina protagonista del celebre film horror “The Ring”. A volte armate anche di coltello, se pure finto, le protagoniste di questo macabro gioco hanno gettato in subbuglio interi rioni. Oggi dobbiamo constatare il drammatico peggioramento della situazione. Dopo i casi registrati a Pianura e Scampia altre segnalazioni parlano di alcune cosplayer che hanno rischiato il linciaggio in diverse occasioni oppure, come accaduto a Gragnano, hanno subito pestaggi da parte di coetanei o di persone spaventate. Un delirio irrazionale che va immediatamente fermato, prima che qualcuno si faccia male sul serio”. Lo hanno dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il conduttore radiofonico Gianni Simioli.
“E’ auspicabile un intervento delle forze dell’ordine che ponga fine a questo fenomeno che non ha alcuna attinenza con il gioco e con il divertimento – hanno proseguito Borrelli e Simioli. Si tratta di vera e propria turbativa dell’ordine pubblico che presenta rischi inaccettabili per l’incolumità di cosplayer e vittime di questo stupido gioco”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti