giovedì 29 Luglio 2021
HomeAppuntamentiSan Carlo. Carmina Burana e Renaud Capuçon in concerto

San Carlo. Carmina Burana e Renaud Capuçon in concerto

In programma sabato 5 giugno alle ore 19.00 al Teatro di San Carlo i Carmina Burana di Carl Orff, composizione tra le più conosciute e al mondo.

L’esecuzione, nella versione per soli, coro due pianoforti e percussioni predisposta dallo stesso autore, vedrà protagonista il Coro del Teatro di San Carlo diretto da José Luis Basso.

I solisti, tutti del Coro del Lirico Di Napoli sono: Desirée Migliaccio (soprano), Federico Fiorio (Controtenore) e Francesco Esposito (Baritono).

I Carmina Burana furono composti da Orff, tra il 1935 e il 1936, come una cantata scenica parte di un trittico di opere intitolato “I Trionfi”. L’idea era nata dall’edizione di un’antologia di componimenti poetici dell’alto medievo, scoperti nel 1803 dal filologo tedesco Johann Andreas Schmeller nel Monastero di Benediktbeuren in Alta Baviera e da allora conservati nella Biblioteca di Monaco. I testi, in latino, tedesco e provenzale, riprendono canti medievali goliardici, intonati dai clerici vagantes. Orff ne fu affascinato ma prese in considerazione solo i testi e poche melodie autentiche risuonano all’interno della sua partitura, interamente originale. Articolati in cinque parti, sono aperti e conclusi da un prologo che inneggia alla Fortuna, vera forza governatrice del mondo. Si tratta di una delle pagine corali più potenti e comunicative, tanto da essere frequentemente impiegate come sonorizzazione di film e serie televisive.

Si tratta della prima produzione che vede protagonista il Coro del San Carlo dopo la recente nomina del nuovo Direttore José Luis Basso.

Domenica 6 giugno alle ore 18.00 uno dei grandi virtuosi del violino del nostro tempo, Renaud Capuçon, con al pianoforte Guillaume Bellom eseguirà la Sonata in la maggiore n. 1 per violino e pianoforte, Op. 13 di Gabriel Fauré, la Sonata n. 1 in re minore per violino e pianoforte, Op. 75 di Camille Saint-Saëns e la Sonata in la maggiore per violino e pianoforte di César Franck.

Scritta tra il 1875 e il 1876 la Sonata in la maggiore n.1 op. 13 di Gabrie Fauré è uno dei capolavori giovanili del compositore e come tale riscosse subito un vasto successo. Ultimata all’inizio del 1876 quando Fauré aveva 31 anni, è divisa nei classici quattro movimenti e fu eseguita a Parigi l’anno successivo, alla Société Nationale. Il lavoro impressionò positivamente anche il suo insegnante e amico Camille Saint-Saëns, che condivideva con Fauré la frequentazione dei salotti parigini dove era di moda la discussione sulla “musica moderna”.

La Sonata n. 1 in re minore per violino e pianoforte, Op. 75 di Camille Saint-Saëns fu composta nel 1885. Dedicatario e primo interprete fu il violinista belga Martin-Pierre Marsick. Nella sua composizione Saint-Saëns mantiene in perfetto equilibrio i due strumenti e le diverse atmosfere presenti nella sonata, dalla vitalità più estroversa alla calma meditativa, e rappresenta perfettamente il ruolo assunto da Saint-Saëns nella storia della musica francese di quegli anni come elemento equilibratore tra forma e virtuosismo.

La Sonata in la maggiore per violino e pianoforte di César Franck rappresenta uno dei massimi risultati conseguiti nel periodo della sua piena maturità dall’ autore belga, nel frattempo divenuto cittadino francese e rispettato insegnante al Conservatorio di Parigi. Fu composta nel 1886, anno in cui Franck venne eletto presidente della Société Nationale de Musique, che si proponeva di promuovere la musica strumentale francese in contrapposizione a quella tedesca. Fu dedicata al suo connazionale Eugène Ysaÿe, uno dei più grandi virtuosi del tempo, che contribuì in qualche modo alla stesura del pezzo, interpretando il primo movimento a una velocità più mossa di quella pensata dal compositore che cambiò la dicitura inziale Moderato in Allegretto ben moderato. Questa sonata, considerata un caposaldo del genere, chiude idealmente un secolo di graduale affermazione della musica da camera francese in Europa, che porterà alla generazione sperimentale di Debussy e Ravel.

MeMUS e visite guidate

Anche per le domeniche di giugno prosegue Canta con Me…Mus il nuovo format del Museo del Teatro di San Carlo rivolto ai più piccoli, per avvicinare i bambini all’arte del canto. Ogni domenica mattina al MeMus alle ore 10.00 (con eventuale secondo turno alle ore 11.00) sarà possibile partecipare ad un percorso narrativo dedicato alla mostra Fiabe al Museo, attraverso il quale i bambini potranno scoprire la magia delle favole messe in scena sul palcoscenico del Teatro di San Carlo.  A seguire saranno poi coinvolti in un piccolo laboratorio canoro durante il quale potranno esercitarsi, guidati dal M° Filomena Piccolo, sulle note delle melodie più famose delle fiabe Disney. Proseguono anche le visite guidate del Teatro programmate dal giovedì dalle 10.30 alle 16.30 e il sabato e la domenica dalle 10.30 alle 17.30. Le visite si svolgono in Italiano, Inglese e Francese e comprendono la visita del Teatro San Carlo (la Sala Storica, il Palco Reale, Foyer) e del Museo MeMUS, dove i visitatori potranno trovare curiosità storiche, cimeli, abiti di scena e la mostra temporanea “Fiabe al museo” pensata per i più piccoli ma rivolta a tutte le età.

Le visite si terranno nel pieno rispetto di tutti gli standard di sicurezza e secondo le normative anti – Covid vigenti.

Capucon-Fray
Photo: Marco Borggreve

 

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti