mercoledì 25 Novembre 2020
Home Cronaca San Giorgio. Reati ambientali, sequestrata un'officina meccanica

San Giorgio. Reati ambientali, sequestrata un’officina meccanica

SAN GIORGIO A CREMANO. Reati ambientali, stretta della Polizia municipale su attività commerciali e privati. Sequestrata un’officina meccanica

Lotta ai reati ambientali. La Polizia Municipale sta effettuando su tutto il territorio controlli presso esercizi commerciali, in particolare autofficine, carrozzerie, gommisti e tutti quelli che potrebbero compromettere l’ambiente con le proprie attività. Obiettivo: verificare il corretto smaltimento di rifiuti speciali, eventuali scarichi abusivi, emissioni nell’aria di sostanze nocive ecc.. In una settimana di attività un’officina meccanica è stata posta sotto sequestro, un altro esercizio commerciale è in fase di accertamento, gli altri sono risultati in regola. Il nucleo Commercio e Tributi della Pm coordinato dal Maggiore Attilio De Vita, con la collaborazione delle unità di Polizia Giudiziaria, sta effettuando in contemporanea anche attività amministrativa, con controlli sulle autorizzazioni di cui devono essere in possesso, come: la Scia e quelle che rientrano nell’Autorizzazione Unica Ambientale(D.lgs152/2006).
I controlli in corso si svolgono di pari passo con le misure straordinarie per la prevenzione e la lotta al fenomeno dell’abbandono e dei roghi di rifiuti che rientrano nel Patto per Terra dei Fuochi, sottoscritto in Prefettura dai comuni del Casertano e della provincia di Napoli che vi hanno aderito. Tra questi vi è anche San Giorgio a Cremano. Secondo il patto, insieme all’ Esercito e con il rafforzamento degli agenti di polizia municipale provenienti da altri territori, si svolgeranno nei prossimi giorni, attività di controllo e di tutela ambientale per contrastare diversi reati ambientali e soprattutto il fenomeno dei roghi nei comuni delle province di Napoli e Caserta.
“I controlli messi in atto dalla Polizia Municipale sono fondamentali per garantire la legalità sul nostro territorio – spiega il sindaco Giorgio Zinno – in particolar modo sui reati ambientali. Le azioni della Pm rappresentano l’attenzione che stiamo ponendo su questi fenomeni. Bisogna lavorare costantemente per aumentare il controllo del territorio. Controlli che stiamo incrementando anche rispetto ai comportamenti dei privati cittadini, sorvegliando sul corretto smaltimento dei rifiuti e sul rispetto delle regole previste in materia, onde evitare tra l’altro, che restino in strada sacchetti di indifferenziato, in questo periodo e con la complessa situazione presso gli stir”.
D’accordo Ciro Sarno: “L’amministrazione e la Polizia Municipale stanno facendo la propria parte ma la collaborazione di tutti è fondamentale. Per questo è a disposizione dei cittadini un numero per segnalare eventuali situazioni da controllare che è lo 0815654202”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Dalla generosità dei mariglianesi 100 tute di biocontenimento e tablet alla protezione civile “La salamandra”

Marigliano. Dall'arte e dalla generosità sono arrivati atti concreti. Accade a Marigliano grazie ad un gruppo nato su Facebook "L'arte per Marigliano" che ha permesso...

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ecco le iniziative del Comune di S. Gennaro

San Gennaro Vesuviano. Il Comune si "tinge" di rosso per dire "no" alla violenza sulle donne. Ma non soltanto, altre iniziative saranno messe in...

Conferenza fiume Sarno: tra storia ed archeologia, videoconferenza del Rotary

Poggiomarino. Il Rotary Club Poggiomarino Vesuvio Est, nell’ambito del suo impegno per la salvaguardia e la conoscenza del territorio vesuviano, ha organizzato per giovedì...

Sanzionati per essersi spostati in un altro Comune senza motivazione, controlli a San Giuseppe

San Giuseppe Vesuviano. Controlli per verificare il rispetto della zona rossa. Questa mattina la polizia locale di San Giuseppe Vesuviano (agli ordini del tenente...

Sisma Irpinia, Ordine architetti: abbiamo imparato poco o nulla da tragedia

Da «Fate Presto» a «Fate Prima»: è necessaria una prevenzione civile NAPOLI – Alle 19.34 del 23 novembre 1980 la terra tremò per 90 secondi....
- Advertisment -