martedì 11 Agosto 2020
Home Attualità San Giorgio. Un Albero per Chiara Lubich nel centenario della sua nascita

San Giorgio. Un Albero per Chiara Lubich nel centenario della sua nascita

SAN GIORGIO A CREMANO. Un Albero per Chiara Lubich. Nel centenario della sua nascita, donata una Giacaranda,  “Simbolo di pace, inclusione e diritti”

Il 22 gennaio 2020 segna i cento anni dalla nascita di Chiara Lubich, fondatrice dei Focolari e figura carismatica del XX secolo che, con il suo pensiero e la sua azione in favore della fraternità e della pace, ha lasciato un’eredità diffusa in tutto il mondo. Anche San Giorgio a Cremano intende celebrare questa figura straordinaria e lo farà proprio il 22 gennaio alle ore 16.00 in Villa Falanga, dove verrà piantato e consegnato alla Città dei Bambini e delle Bambine,  un albero di Giacaranda. L’iniziativa sposa  il progetto “Gli Alberi di Diana”, portato avanti da Diana  Pezza Borrelli, la quale ha scelto San Giorgio a Cremano come città simbolo per celebrare i valori legati a Lubich. All’evento parteciperà il sindaco Giorgio Zinno, le istituzioni e i bambini ma l’invito è esteso a tutta la città al fine di condividere il ricordo della fondatrice del movimento e i suoi principi.

- Advertisement -

Perchè l’albero per celebrare il centenario di Lubich? Perchè esso  è simbolo di vita e di bellezza, segno di radici e futuro, testimonianza di cura e amore per il Bene Pubblico e per l’Ambiente. Tutti valori che la  grande comunità di San Giorgio a Cremano ha fatto propri e che l’amministrazione ha perseguito nel tempo con azioni di inclusione, affermazione di diritti, attenzione ai bambini e cura per la cosa pubblica.

“Un albero è il miglior simbolo per costruire una città di Pace  – spiega il sindaco Giorgio Zinnoquella pace che Chiara Lubich per tutta la vita ha saputo trasmettere a generazioni di donne e uomini di tutte le latitudini , unendo perfino diverse culture religiose, tradizioni e generazioni. Ai bambini intendiamo lasciare questa eredità, perchè è sempre dai più piccoli che bisogna partire per costruire una società che diventi sempre più sana, più inclusiva e anche più green. Grazie a Diana Borrelli, battagliera amica e sostenitrice di valori in cui San Giorgio a Cremano si identifica. Sono certo che la consegna e la piantumazione di questo albero sarà il primo di una serie di azioni condivise nel nome della collettività e dell’unità tra le persone”.

“Si tratta di un’occasione straordinaria – conclude Diana Pezza Borrellinon solo per ricordare con nostalgia Chiara Lubich,  –  ma per incontrarla oggi,  nelle migliaia di persone che si spendono per un mondo più unito e in pace, nei movimenti economici, politici e culturali nati dalla sua spiritualità. San Giorgio a Cremano rappresenta questi valori ed  è per questo che celebreremo qui il centenario, nell’esatto giorno della sua nascita. Grazie al sindaco Giorgio Zinno, sempre aperto e disponibile ad accogliere progetti e iniziative culturali e sociali”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Dopo Savignano Irpino “I Cammini della Via Francigena del Sud” arrivano a Greci

Greci. Successo per la prima tappa dell’evento che, il 22 agosto, sarà ospitato presso l’unica comunità arbëreshë della Campania. Un successo la prima tappa del...

Allarme Federalberghi, “località balneari della Campania in crisi”

Isola Partenopee (Capri, Ischia & Procida) – Le ultime decisioni del Governo a favore delle imprese turistiche delle sole città metropolitane, compattano le...

Calcio. Il Nola 1925 riconferma Gennaro Acampora

Nola. Il Nola 1925 riparte da Gennaro Acampora. Il classe 1989 guiderà il centrocampo bruniano e con ogni probabilità sarà il capitano della nave...

Nicola Piovani a Corto Venticano. Ecco il programma completo

Venticano (Avellino). Portare il cinema dove il cinema non è di casa: la parola d'ordine di Corto e a capo risuona forte...

Confesercenti Campania. Il 52% delle aziende resterà aperto a Ferragosto per limitare i danni

Napoli. Ferragosto al lavoro per il 52% delle aziende della Campania nei settori abbigliamento, ristorazione, bar, supermercati e parrucchieri. È quanto emerge dallo studio...
- Advertisment -