sabato 1 Ottobre 2022
HomeAttualitàSan Giorgio. Via Ferrovia cambia nome: via Martiri di Pietrarsa

San Giorgio. Via Ferrovia cambia nome: via Martiri di Pietrarsa

SAN GIORGIO A CREMANO. La Giunta Comunale presieduta dal sindaco Mimmo Giorgiano, su proposta dell’ assessore Pietro De Martino, ha deliberato all’unanimità il cambio di nome di via Ferrovia in via Martiri di Pietrarsa.

La nuova denominazione della centralissima strada diverrà ufficiale quando arriverà il via libera della Prefettura di Napoli. La Giunta Comunale ha, così, voluto onorare le vittime di uno degli episodi più controversi della storia dell’Italia unita.

I Martiri di Pietrarsa sono, infatti, quattro operai che il 6 agosto 1863 furono uccisi dai bersaglieri mentre scioperavano per protestare contro i licenziamenti e le condizioni disumane di lavoro a cui erano stati costretti dai nuovi proprietari della fabbrica. L’unica denominazione ricorderà insieme Luigi Fabbricini, Aniello Marino, Domenico Del Grosso, Aniello Olivieri.

L’eccidio fu l’inizio della fine per lo stabilimento di Pietrarsa, sorto con l’obiettivo di costruire locomotive e vagoni ferroviari su un’area adiacente alla prima tratta ferrata del Paese, la Napoli-Portici, lunga 7 chilometri, inaugurata il 3 ottobre 1839. L’opificio era uno dei vanti dello Stato borbonico, ma con la nascita del Regno d’Italia entrò in una fase di declino. La futura via Martiri di Pietrarsa si trova a poche centinaia di metri dal luogo del massacro.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti