mercoledì 7 Dicembre 2022
HomeCronacaSan Giuseppe Vesuviano: padre e figlio aggrediscono poliziotti. Arrestati

San Giuseppe Vesuviano: padre e figlio aggrediscono poliziotti. Arrestati

San Giuseppe Vesuviano. Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato di San Giuseppe Vesuviano, durante il servizio di controllo del territorio, hanno controllato in via Santa Maria la Scala un giovane il quale si è mostrato subito insofferente al controllo iniziando ad inveire contro di loro. I poliziotti, pertanto, lo hanno accompagnato negli uffici del Commissariato dove l’uomo ha continuato a pronunciare parole offensive al loro indirizzo colpendoli con calci e pugni ma, non senza difficoltà, è stato bloccato; poco dopo, è giunto anche il padre del giovane presso gli uffici di polizia che, senza alcuna motivazione, ha iniziato anch’egli a inveire contro gli agenti fino a quando, con non poca difficoltà e dopo una colluttazione, è stato anch’egli bloccato.
C.P. e A.P., di 25 e 48 anni, entrambi di San Giuseppe Vesuviano, sono stati arrestati per lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti