mercoledì 8 Dicembre 2021
HomeAttualitàSan Matteo patrono della guardia di finanza, il vescovo Battaglia celebra la...

San Matteo patrono della guardia di finanza, il vescovo Battaglia celebra la messa alla Zanzur

 

Napoli. San Matteo patrono a guardia di finanza, stamattina nella Caserma Zanzur, sede storica delle Fiamme Gialle partenopee, Sua Eccellenza Mons. Domenico Battaglia, Arcivescovo Metropolita di Napoli, ha presieduto la celebrazione eucaristica in onore del Santo Patrono della Guardia di Finanza, San Matteo.
Il celebre Santo, nato in Galilea e di professione esattore delle tasse,
apostolo ed evangelista, è stato proclamato patrono delle Fiamme Gialle d’Italia da Papa Pio XII nel 1934, con l’auspicio che tutti gli appartenenti al Corpo potessero, sulla base del suo esempio, unire l’esercizio del dovere
verso lo Stato con la fedele devozione a Cristo.
All’evento, osservando tutte le misure di sicurezza per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, accolte dal Comandante Regionale Campania – Gen. D. Giancarlo Trotta, sono intervenute le massime Autorità Istituzionali locali, i vertici dell’Autorità
Giudiziaria, delle Forze di Polizia, delle Forze Armate e degli Uffici Finanziari,
che hanno condiviso il significativo momento spirituale con una rappresentanza di militari, di ogni ordine e grado, in servizio alla sede di Napoli, con i componenti degli Organismi della Rappresentanza Militare nonché con gli appartenenti alla locale Sezione dell’Associazione Nazionale Finanzieri in congedo.

La manifestazione religiosa curata dal Cappellano Militare Capo, Monsignor Gerardo Sangiovanni, rappresenta per tutti i Finanzieri un momento di intenso raccoglimento spirituale e di profonda coesione, soprattutto nel ricordo commosso dei militari caduti nell’adempimento del dovere, tale da rinsaldare ulteriormente l’unità di intenti tra tutti i militari del Corpo, fortemente impegnati nell’opera di contrasto ad ogni forma di illegalità.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti