giovedì 21 Ottobre 2021
HomePoliticaSant'Anastasia, Lello Abete presenta il programma: Una consulta di qualità

Sant’Anastasia, Lello Abete presenta il programma: Una consulta di qualità

SANT’ANASTASIA. Il candidato sindaco Lello Abete inaugura la sua campagna elettorale. Inizia la sua  prima “partita” che lo vede correre per il campionato più importante della sua carriera politica, la poltrona di primo cittadino nelle amministrative del 25 maggio. Abete ha presentato al cine-teatro Metropolitan il 29 aprile, la sua coalizione e il programma.

Il candidato sindaco Lello Abete,  classe 1964, funzionario della Uil nel settore della previdenza e dell’assistenza fiscale e tributaria, inizia i suoi esordi in politica con la tessera del partito socialista italiano e intraprende la sua prima esperienza attiva nell’elezioni amministrative del 2007, dove si candida per il consiglio comunale ottenendo circa cinquecento preferenze che lo portano a ricoprire per la prima volta il ruolo di  presidente del consiglio comunale. Si ricandida sempre come consigliere  nel 2010 raggiungendo circa seicento preferenze e anche in questa consiliatura va a ad occupare la poltrona precedentemente conquistata  cioè quella del presidente del consiglio comunale. “Come si fa a non essere emozionati”  inizia il candidato sindaco Lello Abete che concorre insieme ad altri quattro candidati  per la fascia da primo cittadino, visibilmente emozionato, davanti ad una gremita platea del cine-teatro Metropolitan il 29 aprile. Ad occupare le prime poltrone sono i candidati consiglieri cha fanno parte della sua coalizione. Quattro liste civiche per sessantatre candidati, i quali sono stati presentati dal candidato sindaco uno ad uno, sono la lista Arcobaleno, Sant’Anastasia in volo, Sant’Anastasia prima di tutto e Alleanza per Sant’Anastasia. Gli obbiettivi del programma del candidato sindaco Lello Abete prevedono l’ammodernamento della città e diversi i punti da realizzare come la creazione di una consulta di qualità per ottenere il massimo rendimento dai  fondi che verranno elargiti al Comune, l’approvazione definitiva del Pip,Puc, Ptcp, dialogo con il parco del Vesuvio, la spinosa questione della zona rossa, trasparenza dell’amministrazione, la realizzazione di opere pubbliche come parcheggi, impianti sportivi e la riqualificazione degli ingressi della città. Anche nel settore ambientale l’”eventuale” amministrazione Abete prevede una bonifica del territorio, l’aumento della raccolta differenziata in aiuto all’isola ecologica e la creazione di un “tavolo verde operativo” che si occuperà della promozione dei prodotti agricoli del territorio. Naturalmente occhio vigile e attento sulla tutela della legalità e sulle fasce deboli nel proteggere i bisogni dei minori, donne, anziani,disabili e stranieri con sportelli d’ascolto e la creazione di una banca del tempo che provvederà ad uno scambio d’informazioni e collaborazioni tra   il Comune e le associazioni, parrocchie, scuole e forum dei giovani. Anche tanto supporto all’ economia come il  sostegno alle imprese attraverso il potenziamento dello sportello Suap. Formazione e cultura con il  sostegno agli istituti comprensivi presenti, l’istituzione di un forum della cultura, wi-fi gratuito, sviluppo della cittadella mariana con la creazione di un turismo religioso, valorizzazione del centro storico, rafforzamento delle politiche giovanili e il riassetto della macchina amministrativa per ridurre sprechi e burocrazia inutile a favore delle esigenze dei cittadini.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti