sabato 1 Ottobre 2022
HomeComunicati stampaSant'Anastasia, Rifondazione Comunista contro le illazioni anonime

Sant’Anastasia, Rifondazione Comunista contro le illazioni anonime

SANT’ANASTASIA. Il Circolo di Rifondazione Comunista Nello Laurenti condanna ” i soliti squadroni dell’offesa, dell’ingiuria e delle illazioni anonime”.

L’infamia corre veloce. Batte distanze infinite in un breve lasso di tempo. Nessuno può fermarla perché lei viaggia spedita, segue binari di viltà e lo fa di notte, in gallerie sconosciute, per nascondere la sua vera natura. Il volto di chi la trasporta.

Ancora una volta, così come accadde diversi mesi fa con un nostro manifesto, a Sant’Anastasia sono entrati in azione i soliti squadroni dell’offesa. Dell’ingiuria e delle illazioni anonime.

Come circolo territoriale di Rifondazione Comunista, con il coraggio che ci ha sempre contraddistinto, condanniamo questo modo di fare che definiamo, deprecabile, vigliacco.

Chiunque voglia muovere dubbi o opposizioni su ciò che si è fatto governando il paese, ha il diritto di farlo, ma ponendo in calce il suo nome e cognome. Così come vogliono le regole democratiche sul corretto confronto, chi viene leso deve avere la facoltà di replicare. Di difendersi. Ma per farlo, ha bisogno di una controparte. Di certo il vento non può ritenersi tale.

Auspichiamo, quindi, che nel proseguo di questa campagna elettorale che tra non molto volgerà a termine, i toni possano rientrare nella civile dialettica. Che si possa offrire di nuovo un confronto costruttivo ai nostri cittadini.

È importante, per gli anastasiani, affidarsi a uomini e donne che si muovono alla luce del sole. Nella massima trasparenza.

Quando si decide di impegnarsi in ruoli istituzionali, si hanno delle responsabilità, e queste non vanno né dimenticate né calpestate.

Bisogna mettere se stessi in ogni azione che si compie. I nascondini, lasciamoli ai giochi per bambini. Insomma, cerchiamo di essere uomini e non quaquaraquà.

Circolo Rifondazione Comunista sez. “Nello Laurenti”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti