giovedì 6 Ottobre 2022
HomeCronacaSant’Antimo. Sequestrata un'autorimessa abusiva, puniti anche i clienti

Sant’Antimo. Sequestrata un’autorimessa abusiva, puniti anche i clienti

SANT’ANTIMO . Un’autorimessa di motori per motocicli non autorizzata aperta senza nessuna autorizzazione, alla fine dei controlli, sanzionati anche i clienti.

Questo lo scenario che si sono trovati di fronte gli agenti della Polizia Locale di Sant’Antimo, coordinati dal Comandante, il maggiore Biagio Chiariello, che nel corso di un servizio finalizzato al contrastare del fenomeno dello sversamento di rifiuti, nel contesto della “Terra dei Fuochi”, hanno scoperto una officina non autorizzata per la riparazione motoveicoli.
Giunti sul posto, una strada del centro cittadino, gli agenti hanno notato che vi era una officina di circa 50 metri quadri, aperta in dispregio delle normative sanitarie e comunali e senza partita iva. Nel corso dei controlli, 3 motocicli sono stati rinvenuti su suolo pubblico 3 motocicli senza la copertura assicurativa obbligatoria e ciclomotori muniti ancora del vecchio targhino.
Sequestrata l’attività, mentre il titolare dell’attività, S.G. di anni 22, è stato denunciato e gli sono state comminate sanzioni da 5mila euro e 15mila euro.
E’ stato richiesto in supporto l’intervento della locale Tenenza Carabinieri e della Polizia di Stato di Frattamaggiore, prontamente intervenuti.
I proprietari delle moto affidate in riparazione, sono stati sanzionati secondo le normative vigenti e a loro carico altre 4 sanzioni con sequestro del mezzo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti