giovedì 28 Gennaio 2021
Home Cronaca Saviano, i vigili hanno imparato a scrivere! (le multe). Sanzionato il consigliere...

Saviano, i vigili hanno imparato a scrivere! (le multe). Sanzionato il consigliere Caccavale

Anche nella città del Carnevale arrivano le multe! I vigili esistono! Credevate che a Saviano multe e sanzioni amministrative per infrazioni al codice della strada fossero un’utopia? E invece vi sbagliavate.

A smentire e sbugiardare le “malelingue” savianesi che insinuavano che per il comando di polizia locale della città del Carnevale le multe fossero un optional, ci hanno pensato gli agenti municipali Gavino Caccavale e Giuseppe Gatta nel tardo pomeriggio di ieri, 4 febbraio 2017.

I solerti ufficiali in divisa, veri eroi del taccuino, intorno alle ore 17:30 si aggiravano nei pressi di Piazza Vittoria e dell’adiacente via Antonio Ciccone.

- Advertisement -

A finire nel bersaglio degli indefessi agenti di polizia municipale è stato – ironia della sorte – un consigliere comunale di maggioranza. Si tratta di Michele Caccavale, eletto nelle file della lista “Insieme per Saviano” del sindaco Carmine Sommese e poi passato al gruppo autonomo assieme ai consiglieri Gregorio Corcione e Francesco Ferrara. E’ il caso di dire un Caccavale (il vigile) multa un Caccavale (il consigliere comunale).

L’amministratore veniva sanzionato per la violazione dell’articolo 157 comma 6 e 8 del codice della strada perché lasciava incustodita la propria vettura in area parcheggio a sosta regolamentata da disco orario senza indicazione dell’orario di arrivo.

Alcuni malpensanti si domandano qual buon Dio avesse mandato i due agenti in piazza Vittoria! A onor di cronaca i vigili Caccavale e Gatta si trovavano in loco non perché impegnati nelle normali attività di servizio di controllo della viabilità e sicurezza del territorio, bensì perché sollecitati ad intervenire dal titolare della macelleria Tufano Carni Sas, il quale lamentava – a più riprese – la presenza di veicoli stazionanti all’esterno della sua attività commerciale più del tempo dovuto, cosa che impediva ai clienti del Tufano di trovare posto per il parcheggio auto.

“Non si vedono quando servono” – commenta un cittadino “e poi ti fanno la multa se sosti 5 minuti in più con l’auto.

“La mattina e il pomeriggio, nelle ore di punta, su Corso Italia è un caos totale. In seguito all’apertura del supermercato Eurospin, per percorre poche centinaia di metri impieghi quasi mezz’ora, se non più” – ci dice un altro signore.

File kilometriche. Ingorghi pazzeschi. Viabilità in tilt. Congestioni stradali continue. Routine quotidiana.

Non è la prima volta che il comando vigili urbani del comune di Saviano si trova nell’occhio del ciclone. Già a novembre 2016, infatti, gli uomini guidati dal comandante Salvatore Ambrosino erano balzati tristemente agli onori della cronaca locale per non essere intervenuti, in occasione della commemorazione dei defunti, presso il cimitero cittadino per debellare il fenomeno dei cosiddetti “parcheggiatori abusivi”.

E intanto c’è anche chi si chiede – i soliti malpensanti – se adesso il consigliere Caccavale pagherà l’ammenda pecuniaria (pari a euro 41,00. Entro 5 giorni in misura ridotta diminuita del 30% pari a 28,70 euro) o – facendosi scudo dietro il ruolo che ricopre – farà in modo di eludere la sanzione.

Ma conoscendo l’integrità etico-morale e la correttezza intellettuale del consigliere, certamente il Caccavale avrà già adempiuto al pagamento della contravvenzione.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

- Advertisment -