lunedì 20 Maggio 2024
HomePolitica"Scarpe Rosse", apre il Centro Antiviolenza a Pollena Trocchia

“Scarpe Rosse”, apre il Centro Antiviolenza a Pollena Trocchia

POLLENA TROCCHIA. Apre il Centro Antiviolenza “Scarpe Rosse”, in via Mazzini, 88. Un luogo destinato a combattere la violenza di genere attraverso la strada della prevenzione e dell’assistenza.

Venerdì pomeriggio, alle ore 17.30, a Pollena Trocchia sarà inaugurato “Scarpe Rosse”, il Centro Antiviolenza rivolto a tutti i residenti dell’Ambito territoriale N24, che comprende oltre al comune ospitante anche quello capofila di Volla, Cercola e Massa di Somma. Si tratterà di un momento importante per le donne e per l’intera comunità, che potrà ora contare su un presidio a garanzia delle vittime di violenza, tema purtroppo sempre di grande attualità.

Il Centro, finanziato interamente con fondi regionali, sarà attivo nei locali comunali di via Mazzini 88, accanto al Centro Diurno, anch’esso di recente inaugurazione. «Ringrazio coloro che hanno lavorato con grande tensione emotiva per la realizzazione del progetto e i sindaci dei comuni dell’Ambito che hanno accolto la proposta di ospitarne a Pollena Trocchia la sede» ha esordito il Primo cittadino del posto, Francesco Pinto. «Il Centro Antiviolenza – ha proseguito il sindaco – sarà chiamato a svolgere una funzione sociale di grande rilevanza. Coloro che sono vittima di ogni tipo di violenza avranno finalmente un luogo dove non solo potranno essere accolti e ascoltati bensì anche aiutati e orientati per superare il profondo disagio in cui vivono».

Aperto tre volte a settimana, offrirà anche sostegno psicologico e consulenza legale, informazione e interventi in rete tra pubblico e privato. «Per noi è un onore ospitare il Centro soprattutto perché proporrà gratuitamente un servizio rivolto a quelle categorie di persone più facilmente vittime di maltrattamenti, violenze e disagi» ha aggiunto l’Assessore alle Politiche Sociali, Pasquale Fiorillo, ringraziando per la concertazione e il supporto anche il Distretto sanitario. «Saranno attivi anche un sito internet, una casella di posta elettronica e un numero verde: mi auguro che in questo modo il Centro divenga un punto di riferimento importante per l’intero territorio» ha concluso Fiorillo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche