giovedì 24 Settembre 2020
Home Cronaca Scoppio Beirut, le autorità: "Aria tossica, chi può lasci la città"

Scoppio Beirut, le autorità: “Aria tossica, chi può lasci la città”

BEIRUT. Oltre 100 morti e 4mila feriti. L’Ue attiva la protezione civile. Esplosioni da incendio in deposito nitrato d’ammonio. Le autorità: ‘Aria tossica, chi può lasci la città’.

Il ministro della salute libanese Hamad Hasan consiglia a chiunque possa di andare via da Beirut, devastata ieri da due potenti esplosioni che hanno causato oltre 100 morti e 4.000 feriti. Hasan – citato dai media locali – afferma infatti che materiali pericolosi sprigionatisi nell’aria dopo le deflagrazioni potrebbero avere effetti a lungo termine mortali. Le squadre di soccorso stanno cercando oltre 100 persone ritenute disperse, riporta la Bbc. Oltre 300 mila persone sono rimaste senza casa, ha detto il governatore della città precisando che, secondo una prima stima, i danni materiali ammontano a oltre tre miliardi di dollari. Lo scoppio ha causato gravi danni in circa la metà del territorio cittadino. “La Ue ha attivato il meccanismo di protezione civile in seguito alla richiesta delle autorità libanesi, e coordinerà l’invio urgente di 100 pompieri altamente qualificati, con veicoli, cani ed attrezzature specializzati nella ricerca e salvataggio in zone urbane. Lavoreranno con le autorità libanesi per salvare vite”: lo annuncia il commissario alla gestione delle crisi, Janez Lenarcic. “La Ue è pronta a fornire assistenza e sostegno. Siate forti”: così in un tweet il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Anche l’alto rappresentante della politica estera, Josep Borrell, esprime “piena solidarietà e sostegno totale alle famiglie delle vittime, al popolo e alle autorità libanesi”. “Preghiamo per le vittime e per i loro familiari, e preghiamo per il Libano, perché con l’impegno di tutte le sue componenti sociali politiche e religiose possa affrontare questo momento così tragico e doloroso, e con l’aiuto della comunità internazionale superare la grave crisi che sta attraversando”, ha detto il Papa nell’udienza generale.  È “un appello agli Stati del mondo” quello che il card. Bechara Boutros Rai, patriarca d’Antiochia e di tutto l’Oriente, presidente dell’Assemblea dei patriarchi e vescovi cattolici del Libano, lancia all’indomani della “misteriosa esplosione” che ha squarciato la capitale Beirut. “Beirut è una città devastata – scrive il cardinale nel suo appello inviato al Sir – è una catastrofe”. Il patriarca maronita parla di “una scena di guerra senza guerra”. Il cardinale libanese si rivolge a tutti gli Stati del mondo “per fornire aiuti immediati necessari a salvare la città di Beirut”. Mattarella ha inviato al Presidente della Repubblica Libanese, Michel Aoun, un messaggio: “Ci stringiamo con affetto all’amico popolo Libanese. Il nostro pensiero va alle numerosissime vittime della tragedia e alle loro famiglie, mentre con viva speranza auguriamo ai feriti una pronta e completa guarigione”.  Dirigenti militari Usa pensano che l’esplosione a Beirut sia stata un attacco, una bomba di qualche tipo: lo ha detto il presidente americano Donald Trump. “Ho incontrato i nostri generali e sembra che non sia un incidente industriale. Sembra, secondo loro, che sia un attentato, una bomba di qualche tipo”, ha spiegato Trump aggiungendo che gli Usa aiuteranno il Libano. Il martoriato Libano torna a vivere i peggiori incubi della guerra civile e delle crisi sanguinose che hanno segnato i 30 anni passati dalla fine di quel conflitto. Un’esplosione di potenza inimmaginabile – secondo alcuni testimoni udita fino a Cipro, a distanza di 200 chilometri – ha portato la devastazione e seminato il panico in tutta Beirut e nei sobborghi. Un testimone che vive sulle colline a est della capitale, alcuni chilometri dal porto, ha detto all’ANSA che lo spostamento d’aria è stato talmente potente da far saltare tutte le placche delle prese di corrente nella sua abitazione. A provocare le esplosioni che hanno devastato Beirut è stato un incendio in un deposito nel porto di Beirut dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrate diversi anni fa da una nave. Lo ha detto il presidente Michel Aoun, citato dalla Bbc online, dopo una riunione d’emergenza del Supremo consiglio della Difesa nel palazzo presidenziale di Baabda. E’ “inaccettabile”, ha scritto Aoun in un tweet, che 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio fossero tenute immagazzinate in condizioni non sicure. Un’inchiesta è in corso per appurare cosa abbia provocato l’esplosione.

- Advertisement -

 

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

La rassegna EcoCiak 2020 giunge a Striano con il film di Sergio Rubini “Dobbiamo parlare”

STRIANO. Fa tappa a Striano (Na) il 24 settembre 2020 la Rassegna cinematografica "EcoCiak" con il film "Dobbiamo parlare". Il cinema itinerante di UCSA...

Ristoranti chiusi a Napoli, rivolta degli imprenditori: ”E’ una bufala clamorosa, siamo stanchi”

NAPOLI. “In riferimento alla clamorosa fake news che sta circolando da stamattina sui social circa la chiusura di tutti i ristoranti, bar, pub e...

Museo Civico “Luigi D’Avanzo”. Dal 25 settembre la Mostra “Per Aspera ad Astra”

ROCCARAINOLA. Inizia venerdì 25 settembre la Mostra di Arte Moderna “Per Aspera ad Astra”, organizzata dal Museo Civico “Luigi D’Avanzo”, con il Patrocinio del...

Saviano, Ciniglio, Picariello: “Nessuna aggressione da un assessore”

Ottaviano. Riceviamo una nota dai soli consiglieri Francesco Ciniglio - consigliere comunale PD Ottaviano Michele Saviano - consigliere comunale PD Ottaviano Felice Picariello - consigliere comunale...

Marigliano. Ecco tutti i volti dei nuovi consiglieri comunali (FOTOGALLERY)

MARIGLIANO. Ecco i volti dei nuovi 24 consiglieri comunali di Marigliano. I seggi assegnati alla maggioranza sono 16 molti. Nell'assise cittadina siederanno molti volti...
- Advertisment -