venerdì 5 Marzo 2021
Home Politica Scuola, S.Anastasia non è nella lista 'Alert': 'Niente chiusura dei plessi'

Scuola, S.Anastasia non è nella lista ‘Alert’: ‘Niente chiusura dei plessi’

Sant’Anastasia. Riceviamo e pubblichiamo nota stampa dal Comune di Sant’Anastasia.

Alla data del 19 febbraio 2021 risultano 16 casi di postivi attivi nelle scuole anastasiane, di cui 12 alunni e 4 docenti. L’Asl di competenza ha predisposto per alcune classi e per i docenti risultati tra i contatti stretti dei positivi, provvedimento di quarantena fiduciaria. Per valutare la criticità dei contagi sul nostro territorio e limitare la diffusione del virus, abbiamo fatto riferimento, come da nota trasmessa in data 11/02/2021 dall’Unità di Crisi della Regione Campania, ad un sistema di “Alert” basato su metodologia scientifica.

Sulla base di tale approccio, abbiamo evidenziato 3 indicatori relazionati tra loro (Incidenza, Percentuale tamponi, Densità abitativa ) che se definiti come incrementali su analisi di 7 gg rispetto al valore medio regionale generano un alert sull’area/comune/marco-area interessata. Dall’analisi di tali indicatori emerge che il nostro comune è in zona “verde”. La fascia di colore verde è la meno critica e non prevede che vengano chiusi plessi o istituti scolastici sul territorio. L’indicazione è che venga fatto un monitoraggio e una rivalutazione a 3 e 5 giorni degli indicatori. Infatti, le fasce di colore (rosso, arancione e verde) indicano la gravità di estensione del fenomeno nell’ambito del setting per singola fascia di età nel caso delle scuole. Sulla scorta di quanto sopra rilevato, si comunica che, ad oggi, il nostro comune non risulta tra i comuni che sono al di sopra della soglia critica, per i quali l’ Unità di crisi ritiene che debbano essere adottate misure di chiusura come da flow-chart da parte dei Sindaci.  Per maggiore chiarezza si evidenzia che, nonostante gli attuali positivi, i nostri parametri sono ben sotto quelli stabiliti come misura di alert dal Comitato tecnico regionale.  Si ribadisce che, la percentuale maggiore dei contagi non riguarda fasce d’età di soggetti in età scolare ma è da collocarsi in una fascia d’età che va dai 35 ai 65 anni, contagi per la maggior parte circoscritti a nuclei familiari ben evidenziati.  Si precisa pertanto che, di concerto con l’ UOPC Distretto 51 di Pomigliano D’Arco, abbiamo orientato la nostra decisione, sulla base dei dati epidemiologici aggiornati e contestualizzati. Ci teniamo a sottolineare, ulteriormente, che, ad eccezione di un unico plesso interessato, non si è sviluppato nessun focolaio all’interno del mondo scolastico di sant’anastasia, anzi riteniamo che al momento, il protocollo funziona in modo egregio. Infatti per i  casi di positività registrati tra gli allievi, con l’immediato isolamento delle classi e il conseguente tracciamento dei contatti nelle classi isolate, i risultati dei tamponi svolti sono risultati tutti negativi. Continueremo a monitorare con massima attenzione la situazione, al fine di prendere tutti i provvedimenti che si riterranno necessari per contenere la diffusione del virus e salvaguardare la salute dei nostri piccoli cittadini.

Si invita, però, la cittadinanza a tenere alta la guardia e ancora una volta ci affidiamo al senso civico di ognuno nel rispetto delle recenti disposizioni, soprattutto nell’evitare inutili incontri, affinché non si rendano vani gli sforzi compiuti fin qui nel contenimento del virus. Infine il Sindaco Carmine Esposito dichiara: “Preso atto di questi dati, mi auguro e confido nel buon senso dei miei concittadini, affinché, rispettino tutte le norme fin qui emanate per il contenimento del virus.Vorrei ribadire che, questa Amministrazione sta facendo il possibile per monitorare ogni singolo cambiamento e variazione dei dati dei contagi e poter vagliare ogni possibile soluzione in maniera tempestiva. Chiedo, dunque, che vengano rispettate tutte le norme e di evitare il più possibile assembramenti inutili. So che il momento è davvero molto difficile ma, con l’aiuto di tutti, ci auspichiamo di poter ritornare alla normalità.”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti