mercoledì 21 Ottobre 2020
Home Cronaca Sequestrata stamperia clandestina e banconote false del valore di 1 milione di...

Sequestrata stamperia clandestina e banconote false del valore di 1 milione di euro, 4 arresti

NAPOLI. Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria di Roma e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli hanno tratto in arresto in flagranza 4 persone, residenti in Napoli, per i reati di produzione e commercializzazione di banconote contraffatte.
Gli indagati sono stati sopresi e tratti in arresto mentre erano intenti a stampare e confezionare le banconote della nuova serie “Europa”, pronte per essere illecitamente immesse nel circuito legale.
All’interno dell’opificio, ricavato in un appartamento sito nella zona Est di Napoli, sono state rinvenute oltre 68.000 banconote contraffatte – di pregevole fattura – di vari tagli per un valore nominale complessivo di oltre 1 milione di euro. In particolare, tra le banconote sequestrate, oltre a quelle del valore di 20, 50, 100 e 200, sono stati rinvenuti anche numerosi biglietti da 5 euro, un taglio inusuale, ma molto insidioso per i cittadini proprio in ragione dell’importo poco rilevante che difficilmente induce sospetti nei soggetti che ne entrano in possesso.
È stata sottoposta a sequestro la seguente attrezzatura utilizzata all’interno dei locali per la realizzazione delle banconote contraffatte: n. 2 stampanti a getto d’inchiostro ad alta definizione con cui gli indagati provvedevano alla parte grafica e cromatica delle banconote; n. 3 stampanti laser con veniva perfezionato il processo di stampa mediante l’apposizione dei numeri di serie e di altri elementi di sicurezza come, ad esempio, la filigrana; n. 1 etichettatrice semi-automatica, appositamente modificata, con la quale effettuare l’applicazione dell’ologramma; n. 1 tagliacarte professionale (dotato di software automatico) utilizzato per suddividere/tagliare in 4 esemplari i fogli formato A4 sui quali erano state stampate le banconote da 20, 50, 100 e 200 euro e in 6 esemplari per le banconote da 5 euro; n. 1 tagliacarte manuale e n. 3 pc collegati alle varie stampanti impiegate.
A seguito di ulteriori accertamenti è emerso, inoltre, che i nuclei familiari degli indagati beneficiano del reddito di cittadinanza.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

“17 positivi in 16 ore”, allarmante l’aumento di contagi a Somma Vesuviana

Somma Vesuviana. Seguendo gli aggiornamenti sui casi di Coronavirus effettuati dal sindaco Salvatore Di Sarno scopriamo un dato allarmante: "17 positivi in 16 ore"....

D’Avino e Prisco: “Pronto piano di valorizzazione del Casamale. Ecco le novità”

Somma Vesuviana. “Pronto il Piano Unico di Valorizzazione del Borgo del Casamale, siamo ai nastri di partenza: dalla Zona a Traffico Limitato all’illuminazione artistica,...

Grave lutto per le famiglie Spadaro-Pone, è venuta a mancare la signora Rosa

Sant'Anastasia. Un grave lutto ha colpito due delle famiglie più note della città: Spadaro e Pone. È infatti venuta a mancare...

Covid, Patriarca (FI): “No a chiusura reparti di Medicina a Gragnano e Vico Equense”

La capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale: "Pronti a collaborare col governatore ma De Luca dica la verità sui numeri". NAPOLI - «Rischiano di...

Terzo Settore, commercialisti e CSV Napoli: «Insieme per valorizzare le esperienze locali»

Napoli. L’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli (Odcec Napoli) e il Centro di Servizio per il Volontariato di Napoli (CSV...
- Advertisment -