giovedì 22 Aprile 2021
HomePalioSommaVesuvianaSerra: "Ecco come il Palio ha recuperato gli antichi giochi"

Serra: “Ecco come il Palio ha recuperato gli antichi giochi”

SOMMA VESUVIANA. L’associazionismo cattolico, oggi molto articolato, interessa vari ambiti della vita sociale mediante i suoi molteplici circoli, associazioni e, con le molteplici ed encomiabili attività, rappresenta la base formativa culturale e sociale dei giovani, oggi come ieri.

Ricordo la mia prima partecipazione ad un circolo culturale, frequentavo le scuole medie: l’iscrizione al Circolo Culturale Cattolico della parrocchia di San Giorgio, negli anni sessanta. Situata nel retro dell’edificio parrocchiale in Piazza Vittorio Emanuele III, anche conosciuta come Piazza Trivio, a Somma Vesuviana.
Questo circolo era il punto di riferimento dei giovani di allora, era gestito da un uomo valente e comprensivo il sig. Felice Molaro, persona anziana in pensione, volontario, che, generosamente, ci faceva da guida. Le amicizie nate in quegli anni lontani si conservano ancora.
Dalla stessa sede, i Giovani per un mondo unito nel 1991 decidono di recuperare alcuni antichi giochi locali, ma diffusi anche in altre città, regioni e, a volte, anche nel bacino del Mediterraneo: corsa con cerchio, palo di sapone, tiro alla fune ed altri, proponendoli in una festa popolare, il Palio. Invitano i vari quartieri di Somma alle piacevoli gare competitive, generando una simpatica aggregazione comunitaria.
Una nuova forma di recupero delle antiche tradizioni era iniziata negli anni 80 e 90. Auspici, Roberto De Simone, la Nuova Compagnia di Canto Popolare ed altre persone e gruppi. Ritornavano di moda canti arcaici e feste popolari. L’antica cultura delle feste in onore della Madonna di Castello fu osservata in situ a Somma, da Roberto de Simone e illustri docenti di etnomusicologia e antropologia, anche statunitensi: ci fu una riscoperta da parte del mondo accademico.
Però i Giovani per un mondo unito non si lasciarono ammaliare da questa tendenza. E nei primi anni del Palio sono stati anche criticati per questa preferenza, fuori dal coro, di particolari tradizioni. Ma la festa del Palio, invece, fu una scelta lungimirante, a 25 anni dalla prima edizione si è rivelata vincente.
I promotori della manifestazione, nonostante i cambiamenti sociali e politici verificatisi in questo lasso di tempo, sostenuti anche dall’impegno e dalla forza dei concorrenti e del pubblico, hanno trasmesso a tutti l’entusiasmo per la partecipazione a dei giochi gradevoli e portatori di una competizione sana e costruttiva. I giovani partecipanti hanno contagiato gli amici ed anche i meno giovani parenti, sempre presenti.
Indubbiamente la nostra città ha un punto di riferimento annuale, che ha avuto una crescita sociale e culturale complessiva: la manifestazione ha integrato la formazione dell’istruzione pubblica.
La nostra società con le sue contraddizioni, solitudini e alienazioni, ha bisogno di queste iniziative, che orientano ed aggregano per contrastare i malesseri e squilibri profondi.
Lao Tsu, o Tse, mitica figura della filosofia cinese (VI secolo a.C.), diceva “ un viaggio di mille miglia inizia con un solo passo.” Noi di passi ne abbiamo fatti venticinque, dobbiamo arrivare a mille!
Complimenti ai Giovani per un mondo unito.

Rosario Serra

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti