mercoledì 8 Dicembre 2021
HomeComunicati stampaSessantamila euro recuperati dall’Amministrazione di Sant’Anastasia

Sessantamila euro recuperati dall’Amministrazione di Sant’Anastasia

Sant’Anastasia. Grazie ad un lavoro congiunto del Vicesindaco Mario Trimarco e del consigliere comunale Mario Gifuni, sono stati recuperati, qualche giorno fa, tutti i canoni di locazione che la Vodafone, multinazionale di telefonia cellulare e fissa, non aveva versato al Comune di Sant’Anastasia fin dal 2015. L’azienda non aveva mai pagato il canone di installazione per le antenne stazioni base di telefonia mobile, limitandosi a versare ogni mese poco più di mille euro per l’occupazione di suolo pubblico, mentre gli altri gestori telefonici rispettavano invece i contratti.

“Ci siamo resi conto subito del problema – spiegano il Vicesindaco Trimarco e il consigliere Mario Gifuni – ma solo pochi giorni fa, dopo una lunga e difficile contrattazione, sono stati versati al Comune di Sant’Anastasia i 60mila euro che inspiegabilmente, dal 2015, non erano mai stati reclamati, anche dopo una nota stilata dall’allora responsabile della ragioneria Rossella Romano, e diremmo che ci siamo riusciti per il rotto della cuffia”. Rimane ancora una questione pendente e riguarda l’incasso di altri 60mila euro che la Vodafone dovrebbe al Comune. “Restano ancora due anni da recuperare perché nel frattempo la Vodafone, come hanno fatto anche altre società, ha trasferito alla  Inwit la gestione dei rapporti per contratti e forniture”.
Dice il vicesindaco Trimarco:  “Sarà più difficile ed è ancora in corso la contrattazione, ma questa è la prova che non si può amministrare facendo solo i ragionieri bensì andare a fondo sui problemi, ricordando sempre che il denaro non incassato dal comune è denaro in meno per i servizi ai cittadini”.
Aggiunge il consigliere Gifuni: “Se non dovesse andare a buon fine è bene dire che le antenne “morose” saranno rimosse dal territorio”.
 “Sarà nostra cura investire la somma in opere o servizi ai cittadini, come avverrà per tutto ciò che non rinunceremo a recuperare” – dice il sindaco Carmine Esposito.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti