lunedì 25 Ottobre 2021
HomePolitica"Si privatizzi chi può", assemblea di Potere al Popolo sabato a Torre...

“Si privatizzi chi può”, assemblea di Potere al Popolo sabato a Torre del Greco

Torre del Greco. Da Potere al Popolo Ercolano – Torre del Greco riceviamo una nota che di seguito pubblichiamo.

I comuni Vesuviani, in special modo dalle nostre Ercolano e Torre del Greco, rappresentano un caso di privatizzazione estremamente spinta e di completa monetizzazione dei servizi pubblici.
In entrambe le città non esiste praticamente più nulla che sia nella disponibilità dei cittadini.
L’acqua, a spregio più totale del referendum del 2011 è appaltata alla Gori, che a sua volta subappalta a varie ditte private manutenzione e gestione rete. Questo porta inevitabilmente a tariffe più alte e ad un maggiore costo della vita delle famiglie a basso reddito e dei lavoratori.
I rifiuti, parimenti all’acqua, sono affidati alla Buttol. E tutti conoscono la situazione dei rifiuti a Torre del Greco ed Ercolano.
Le spiagge, ad eccezione di zone impervie e scogliose, sono tutte private ed i confini di queste sono addirittura cementati, chiudendo illegalmente l’accesso ai bagnasciuga, per legge demanio pubblico.
I parcheggi. I comuni vesuviani hanno tariffe di parcheggio pubblico molto alte, senza alcuna esenzione per i residenti. Anche questo dovuto da un servizio concesso al privato. Una famiglia, per parcheggiare sotto casa, paga in media 100 euro al mese. E questo è un attacco al potere di acquisto dei lavoratori. Il Museo Archeologico Virtuale di Ercolano, che cadrà tra poco in mano privata.
Su questi temi convochiamo assemblea il giorno sabato 25 settembre 2021 ore 18:00 nella villa comunale di Torre del Greco (Corso Vittorio Emanuele 9) per ottenere:
Il rispetto dei risultati del Referendum del 2011 nei comuni Vesuviani
Sgravi per il parcheggio per i residenti, almeno quelli a basso reddito, per i lavoratori dipendenti ed i pensionati, ed aumento delle strisce bianche almeno nei quartieri residenziali.
Costituire enti pubblici per la gestione dell’acqua e della raccolta rifiuti
Aumentare l’aliquota delle spiagge pubbliche ed eliminare le strutture in cemento che deturpano le spiagge.
Riportare la cultura in mano pubblica.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti