martedì 23 Luglio 2024
HomeCronacaSodano chiede l'istituzione del parco archeologico "Marilianum"

Sodano chiede l’istituzione del parco archeologico “Marilianum”

MARIGLIANO – Numerose evidenze archeologiche di età preistorica, sannitica, romana e medievale sono state portate alla luce nella località Faibano.


Durante i lavori di infrastrutturazione dell’area per gli insediamenti produttivi, finanziati dall’Unione europea con l’Accordo di programma quadro “Sviluppo Sociale” codice PI. CL02, i mezzi meccanici hanno danneggiato numerosi reperti. Ma anche il saccheggiamento da parte di ignoti tombaroli ha portato scempio sui ritrovamenti. Solo grazie all’attenzione di un comitato civico, impegnato nella tutela dei beni culturali e del territorio, sono stati informati la Soprintendenza per i beni archeologici di Napoli e Caserta e il Nucleo territoriale dei Carabinieri di Castello di Cisterna. Oggi, dinnanzi ad un modesto interesse da parte delle istituzioni e scontrandosi con la mancanza di progetti e iniziative volte alle conservazione e valorizzazione delle testimonianze emerse, il senatore Sodano, in un’interrogazione rivolta al Ministro dei Beni Culturali, chiede di sapere:

se sia stata effettuata una prima stima dei danni arrecati al sito e se siano state inoltrate le opportune segnalazioni all’autorità giudiziaria per omessa denuncia di ritrovamenti, per le distruzioni e i trafugamenti di materiale archeologico;

se siano stati avviati i provvedimenti amministrativi per la dichiarazione dell’interesse archeologico dell’area, nonché misure di tutela diretta e indiretta per le emergenze archeologiche rinvenute in via Sentino, via Nuova del Bosco e via Masseriola del Bosco nel comune di Marigliano, ai sensi del decreto legislativo 42/2004;

se sia stata redatta una carta archeologica della zona allo scopo di adottare idonee misure di salvaguardia non solo delle testimonianze materiali ma anche delle centurationes romane, riferibili a epoche diverse e ancora chiaramente leggibili, che costituiscono una evidente risorsa paesistica per la bellezza naturale e l’importanza culturale;

se, in sede di progettazione e esecuzione definitiva delle infrastrutture dell’area P.I.P. (Piano di insediamento produttivo), siano state richieste e apportate le indispensabili modifiche al tracciato del collettore fognario, della rete idrica, antincendio e metano, dei tronchi stradali di fatto o di progetto, in relazione alla conservazione e alla futura valorizzazione del complesso residenziale sannitico, delle necropoli romane, della capanna preistorica e degli altri beni archeologici visibili e non visibili;

se non sia opportuno convocare al più presto un tavolo tecnico con la partecipazione del Ministero, della Regione Campania, della Provincia di Napoli, del Comune di Marigliano e della Soprintendenza competente, per affrontare in tempi brevi tutte le problematiche connesse: integrità delle evidenze archeologiche rivenute, procedure espropriative dei terreni per l’allargamento e il completamento della campagna di rilevamenti e di scavi estensivi, realizzazione delle opere infrastrutturali in terreni archeologicamente sterili, completamento dei servizi e delle attrezzature con materiali compatibili con il carattere dei manufatti archeologici e con l’ambiente circostante;

se non sia necessario, considerata l’altissima densità e potenzialità archeologica, avviare le procedure per l’istituzione del “Parco archeologico di Marilianum”, che alla fondamentale esigenza di salvaguardia, gestione, conservazione e difesa del patrimonio archeologico, naturalistico, biologico e geomorfologico dell’area unisca la capacità di garantire le migliori condizioni di fruibilità a scopi scientifici, sociali, economici e turistici;

se il Governo non ritenga doveroso destinare, nell’ambito della prossima programmazione finanziaria, adeguate risorse per far fronte alle necessità organizzative e operative legate alla salvaguardia delle preesistenze archeologiche e all’istituzione del parco storico di Marilianum.

Gabriella Castiello

Sostieni la Provinciaonline

Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permettete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi. Clicca qui e aiutaci ad informare ⬇️.

Articoli recenti

Rubriche