lunedì 26 Settembre 2022
HomeAttualitàSomma. Dopo 70 anni tornano le spoglie di un partigiano ucciso dai...

Somma. Dopo 70 anni tornano le spoglie di un partigiano ucciso dai tedeschi

SOMMA VESUVIANA. Torneranno nel paese natio a 70 anni dalla sua barbara uccisione le spoglie di un giovane partigiano, Ferdinando Aliperta, ucciso dai tedeschi in Valle d’Aosta.

“Chiediamo che si faccia chiarezza sulla strage del 7 Novembre del 1944 e soprattutto il nostro obiettivo è quello che l’Italia non dimentichi chi ha lottato per la libertà degli altri e per la Patria”, a chiederlo e’ una nipote, la docente Maria Aliperta , nipote di Ferdinando che all’età di 24 anni fu fucilato dai tedeschi con altri 5 partigiani.
“Domani riporteremo le spoglie di mio zio nel suo paese natale che è Somma Vesuviana”, spiega, “Dopo 70 anni mio zio ritornerà nella sua terra da Verres paesino della Valle d’Aosta che lo ha custodito e onorato dal 1944 ad oggi. Non ho mai avuto la possibilità di conoscere mio zio Ferdinando ma era un partigiano, un garibaldino il quale poco più che ventenne decise di lottare per l’Italia e per la libertà. All’età di 24 anni fu ucciso, fu fucilato con altri 5 partigiani. In serata arriveremo a Napoli, all’aeroporto di Capodichino con le sue spoglie e giovedì 16 aprile la mia famiglia consegnerà ufficialmente le spoglie al Comune nell’attesa di una cerimonia che possa rendere omaggio a chi come lui ha lottato per la libertà. Per anni ho conservato con me una lettera che mi fu inviata da Verres e che potrebbe contenere la risposta a questo mistero”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti