mercoledì 28 Settembre 2022
HomeCronacaSomma. "Voto comprato", ecco la denuncia

Somma. “Voto comprato”, ecco la denuncia

SOMMA VESUVIANA. Una denuncia presentata dal candidato sindaco Antonio Granato, e dai rappresentanti delle liste che lo appoggiano (Noi Liberi, Giovani per Somma, Forza Italia, Insieme per Somma e Alleanza per Somma) per consentire che vengano fatte indagini sull’ipotesi della compravendita dei voti.

A firmare l’esposto con Granato anche Giuseppe Sommese, capolista della lista Forza Italia, Biagio Esposito capolista di Noi Liberi, Giuseppina Amorino, della Lista Insieme per Somma Amalia Borrelli capolista de Giovani per Somma e Ciro Cimino, delegato della lista Alleanza per Somma.

‘’Rappresentano alle Signorie Vostre illustrissime che, secondo le segnalazioni pervenute da parte di elettori, durante lo svolgimento delle elezioni amministrative del 25 maggio 2014 per il rinnovo della carica di sindaco di componenti consiglio comunale di Somma Vesuviana sono state poste in essere attività finalizzate ad ottenere preferenze per candidati in cambio della corresponsione di somme di denaro e buoni pasto carne e pesce ed addirittura in cambio della cessione di sostanze stupefacenti. In particolare, si è appreso che diversi tossicodipendenti, dopo aver ricevuto in più punti di Somma Vesuviana (rione Trieste presso la chiesa Costantinopoli, Casamale, Parco Fiordaliso in via San Sossio e via Nola) la dose di sostanza stupefacente in cambio della promessa di voto, sarebbero stati prelevati ed accompagnati, a bordo di autovetture private, al seggio elettorale di loro pertinenza. A riscontro di tali fatti, si pongono all’attenzione delle S.V. le notizie pubblicate da diversi organi di stampa (cfr Metropolis, La Provincia Online del 28 maggio), secondo le quali sono state ritrovate e sequestrate schede elettorali originali, firmate e timbrate, relatve alla competizione elettorale in corso.
Tutto ciò posto, i sottoscritti chiedono alle Signorie Vostre Illustrissime di svolgere le necessarie indagini volte ad accertare l’eventuale commissione dei gravissimi fatti esposti e di voler adottare i provvedimenti che si riterranno utili ad evitare la reiterazione di condotte illecite che alterino (come purtroppo già successo) una libera e democratica competizione elettorale, in previsione del turno del turno di ballottaggio previsto per il prossimo 8 giugno’’.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti