martedì 31 Gennaio 2023
HomeSanitàSostituzione protesica totale di gomito: l’ortopedia di Sorrento punto di riferimento territoriale

Sostituzione protesica totale di gomito: l’ortopedia di Sorrento punto di riferimento territoriale

Sorrento. Il reparto di ortopedia dell’ospedale di Sorrento diretto dal dottor Massimo Morra svolge regolare attività di applicazione di tecniche chirurgiche di ricostruzione dell’articolazione del gomito, sia dell’estremo prossimale di avambraccio, sia di estremo distale di omero, sia per instabilità.

Un processo di specializzazione che si inserisce nel quadro dello sviluppo complessivo dei servizi sanitari offerti dalla struttura ospedaliera sorrentina programmato dall’Asl Napoli guidata dal direttore generale Giuseppe Russo.

Nessun paziente affetto da queste patologie viene indirizzato presso centri traumatologici superiori, se non per associazione a patologie pertinenti o per particolari complicanze che richiedono specializzazioni.

Va sottolineata la ormai standardizzata applicazione della tecnica di sostituzione protesica totale di gomito: in traumatologia questa che va riservata soltanto ai casi di fratture dell’estremo distale di omero non ricostituibile e per pazienti anziani caratterizzati da una bassa richiesta funzionale in termini di forza e che altrimenti dovrebbero rassegnarsi ad una rigidità di gomito.

Già tre gli impianti realizzati. Anche se non vanno dimenticate le applicazioni di protesi parziali, con particolare riferimento a quelle di capitello radiale, essenziali nelle complesse fratture-lussazioni del gomito per ripristinare una corretta stabilità: queste sono più tipiche dei soggetti giovani ad alta richiesta funzionale: sono stati eseguiti circa 20 impianti.

Non va dimenticata, inoltre, la complessa traumatologia prossimale dell’ulna che spesso si associa a problemi di stabilita del gomito.

Insomma, un reparto che saputo sviluppare una rilevante esperienza sulla patologia traumatica della complessa articolazione del gomito anche sfruttando importanti collaborazioni di livello nazionale.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti