sabato 3 Dicembre 2022
HomeCronacaSpento il terribile incendio della fabbrica di plastica a Volla FOTO

Spento il terribile incendio della fabbrica di plastica a Volla FOTO

Volla. Ci sono volute più di quattro ore per spegnere il tremendo incendio scoppiato nella fabbrica di materie plastiche “Paparo Plastic”, in via Ovidio a Volla.

I vigili del fuoco sono stati impegnati dalle 21 e hanno finito da poco. Evacuati i palazzi vicini alla struttura avvolta dalle fiamme. Come scrive Patrizia Panico su “Il Mattino” nella versione online i testimoni hanno raccontato di aver udito un forte boato e pochi attimi dopo sono divampate poderose colonne di fumo e alte lingue di fuoco. Ingente il numero di mezzi accorsi sul posto, almeno 15 autobotti e un mezzo speciale del distaccamento aeroportuale da 25mila litri, e si è provveduto allo sgombero dei tre fabbricati per mettere in sicurezza i residenti.
Per il momento ancora incertezza sulla causa dell’incendio, ma i vigili del fuoco sembrano escludere, al momento, un atto doloso. Pare che nello stabile fosse rimasta accesa un’apparecchiatura che è andata poi in corto circuito sprigionando le fiamme che avrebbero poi investito, e fatto esplodere, una bombola di gas presente nella fabbrica. Un odore acre ha avvolto non soltanto il quartiere interessato, le famiglie sgomberate per questa notte non potranno rientrare nelle loro case e di loro si sta occupando il Comune – la neo amministrazione comunale era sul luogo dell’incendio con il sindaco Andrea Viscovo e il comandante della polizia municipale, il maggiore Giuseppe Formisano – che ha allestito, con l’aiuto prezioso della protezione civile di Volla e di Massa di Somma, Cercola e Sant’Anastasia centri di accoglienza in due scuole cittadine. Sul posto i carabinieri della locale stazione, della Compagnia di Torre del Greco ed il sindaco di Cercola, Vincenzo Fiengo.

FOTO DI PATRIZIA PANICO

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti