lunedì 22 Luglio 2024
HomeAttualitàStage formativi per 50 giovani disoccupati

Stage formativi per 50 giovani disoccupati

CASTELLAMMARE DI STABIA – Stage formativi per 50 giovani
disoccupati, le cui famiglie sono destinatarie del reddito di
cittadinanza. Sono partiti i primi tirocini in aziende del territorio,
grazie all’iniziativa di sostegno al reddito di cittadinanza, ideata e
promossa con la collaborazione della Provincia di Napoli.
Grazie a un finanziamento di 120.000 euro della Provincia di Napoli, 50
giovani disoccupati stabiesi, dai 18 ai 30 anni, le cui famiglie ricevono
il contributo del reddito di cittadinanza, potranno svolgere uno stage
retribuito- che varia dai 3 ai 6 mesi a seconda dell’orario concordato con
l’azienda- nelle imprese del territorio. Per le aziende non c’è alcun tipo
di onere economico da sostenere. L’iniziativa è già partita concretamente per i primi giovani disoccupati. L’assessore al Lavoro e alle Politiche Sociali Mariella Parmendola lancia un appello alle aziende per dare completa attuazione a questa opportunità.
“E’ un’occasione di crescita- sottolinea l’assessore Mariella Parmendola-
sia per le aziende, sia per i disoccupati. Lo spirito delle forme di
sostegno al reddito di cittadinanza è quello di superare la sola forma del
contributo economico e costruire occasione di dignità per i giovani,
inseriti in un percorso di formazione. Le aziende non dovranno sostenere
oneri economici, ma potranno dare un contributo importante a 50 famiglie di Castellammare”. Il servizio di sostegno al reddito è seguito dalla cooperativa ‘I Vecchi e il Mare’. Le aziende che vogliano raccogliere l’appello dell’amministrazione comunale possono chiedere informazioni sia all’assessoratoalle Politiche Sociali e al Lavoro, sia alla cooperativa.

Sostieni la Provinciaonline

Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permettete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi. Clicca qui e aiutaci ad informare ⬇️.

Articoli recenti

Rubriche