martedì 21 Settembre 2021
HomeAppuntamentiStudenti, politici e servizi sociali per dire no alla violenza sulle donne

Studenti, politici e servizi sociali per dire no alla violenza sulle donne

SAN GIUSEPPE VESUVIANO. Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne, al Cinema Teatro Italia una tavola rotonda tra studenti, amministratori e professionisti dei servizi sociali

Venerdì 30 novembre 2018, alle ore 9:30, presso il cinema teatro Italia, gli studenti dell’I.S.I.S. Einaudi-Giordano ribadiranno il loro no alla violenza sulle donne. Lo faranno nell’ambito dell’evento promosso dal Comune di San Giuseppe Vesuviano – Assessorato alle Pari Opportunità – in collaborazione con il Centro Antiviolenza, la Commissione Pari Opportunità, e con la preziosa testimonianza del giovane Carmine Ammirati, figlio di Enza
Avino, vittima innocente di una mano assassina. Nel corso della mattinata, la tavola rotonda sarà intervallata dalla proiezione del film “L’Amore Rubato”, film di estrema intensità emotiva, in cui cinque donne, seppur di diversa età sono accomunate
dall’essere vittime di violenza. Gli studenti esprimeranno i loro pensieri, condividendo le riflessioni sul tema, al fine di far emergere quelli che sono gli stereotipi più
comuni che affondano radici già nelle giovani generazioni. L’evento, a cui presenzierà anche Vincenzo Catapano, sindaco di San Giuseppe Vesuviano, è ad ingresso libero. “Sono contenta che la celebrazione della giornata internazionale contro la violenza di genere – commenta Silvia Annunziata, assessore alle Pari Opportunità – coincida, quest’anno, con l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del disegno di legge ribattezzato Codice Rosso. Il disegno di legge prevede che le denunce per maltrattamenti, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni aggravate, commessi in contesti familiari o di convivenza, debbano essere consegnate immediatamente ad un magistrato che, da quel momento, avrà tre giorni di tempo per ascoltare la testimonianza della donna”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti