domenica 25 Settembre 2022
HomeCronacaSuicidi nel corpo della Finanza, la lettera: "La tensione è altissima"

Suicidi nel corpo della Finanza, la lettera: “La tensione è altissima”

Riceviamo e pubblichiamo nota del sindaco finanzieri democratici.

In questi anni abbiamo più volte trattato il disagio sul luogo di lavoro: abusi, prevaricazioni,
violenze ed altro. Lo abbiamo fatto sempre lontano da eventi suicidari, scelta dettata dal
profondo rispetto verso chi prende una decisione del genere e verso i familiari che ne
subiscono le conseguenze.
In questo caso, proprio per il rispetto del M.A. Beniamino Presutti che, purtroppo, ha fatto
questa scelta definitiva, vogliamo evidenziare lo scritto che ha lasciato a tutti noi. Parole
chiare che non lasciano dubbi sulla responsabilità di tale gesto. Parole che rispecchiano il vissuto di tanti che, per fortuna, non sono arrivati ad un gesto estremo.
Frasi come queste:
“Se sono arrivato a questo punto è perché nella Guardia di Finanza c’è una tensione
altissima. La gerarchia vuole che agli occhi dell’opinione pubblica l’immagine del Corpo
appaia perfetta, senza interessarsi minimamente del personale.”;
“dopo aver ottenuto il trasferimento a Viterbo, (dopo quasi 29 anni di servizio e
innumerevoli domande presentate) sono stato destinato ad un settore di servizio
completamente diverso, che non ho mai fatto, nonostante ci siano uffici, (sala operativa e
sezione operazioni) alla stessa sede, in cui è previsto l’impiego di personale con la mia
specializzazione (e’ vero che alcuni di essi sono al completo come numero di militari ma
non tutti hanno la specializzazione per potervi operare e pertanto sono “abusivi”).”,
danno un quadro complessivo di una situazione che è sfuggita di mano, situazione che
oltre a danneggiare gli appartenenti al Corpo danneggia il Paese.
Non possiamo che chiedere le dimissioni immediate del Comandante Generale, il quale
non ha mai avuto la sensibilità di ascoltare le nostre richieste, così come immaginiamo che
non abbia ascoltato le richieste di altri Sindacati, finalizzate a prevenire tali fenomeni.
Nel mentre valuterà la nostra richiesta di dimissioni, troverà il tempo per convocare Ad-
horas tutti i Sindacati per realizzare strumenti concreti di dialogo? Lo speriamo vivamente
per Noi, per i Colleghi e, soprattutto, per il rispetto dovuto a coloro che hanno deciso di
togliersi il bene più prezioso: la Vita!

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti