venerdì 14 Maggio 2021
HomeCronacaTask-force contro l'abbandono dei rifiuti. Controllate diverse fabbriche, due denunciati

Task-force contro l’abbandono dei rifiuti. Controllate diverse fabbriche, due denunciati

SANT’ANTIMO. Task-force della polizia locale contro l’abbandono dei rifiuti. Controllate diverse fabbriche, due denunciati.

Nell’ambito dei controlli sul territorio effettuati dagli uomini del Comando Polizia Locale, diretti dal Maggiore Biagio Chiariello, al fine di prevenire il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti di ogni genere, e in particolare dei rifiuti tessili derivanti da lavorazioni industriali, sono stati individuati diversi soggetti sanzionati per violazione delle norme ambientali. I controlli hanno interessato diversi trasgressori e, in particolare, diverse fabbriche dedite alla lavorazione di confezioni di abbigliamento.  Riscontrate diverse violazioni anche relative alla sicurezza sui luoghi di lavoro e sfruttamenti di lavoro a nero per le quali, attraverso l’intervento dell’Ispettorato del Lavoro, dottor Martello e Stufa, venivano prescritte le relative adempienze per le regolarizzazioni. Presso la sede delle ditte sono stati trovati in totale quindici operai, non in regola, tra italiani e stranieri, che sono stati tutti identificati e segnalati agli organi addetti. Le ditte  operavano senza il registro di carico e scarico per il corretto smaltimento  degli scarti da lavorazioni tessile con violazioni contestate per circa cinquemila euro. I titolari delle ditte sono stati denunciati e ora dovranno subire un processo penale. Proseguiranno nei prossimi giorni i controlli al fine di individuare i responsabili di altre analoghe condotte ed essere prontamente sanzionati. Proprio qualche giorno fa gli uomini del Comando hanno posto sotto sequestro un’area di circa mille metri quadri adibita a discarica con sanzioni varie e denunciato un uomo per incendio, il tutto per la tutela di un bene fondamentale che è l’ambiente.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti