sabato 25 Giugno 2022
HomeAppuntamentiTeatro San Carlo accende ON Il Teatro delle Culture

Teatro San Carlo accende ON Il Teatro delle Culture

Napoli. Pronta a trasmettere ON – Il Teatro delle Culture della Fondazione Teatro di San
Carlo che sarà online venerdì 20 maggio. È la prima piattaforma digitale di un teatro
lirico in Italia, programmato e finanziato dalla Regione Campania – Piano Operativo
Complementare Regione Lirica 2020.
Il progetto della piattaforma digitale è nato in accordo con il Presidente della Regione
Campania Vincenzo De Luca, durante i difficili mesi della pandemia.
ON – Il Teatro delle Culture ha la sua mission nella costruzione di uno spazio di
innovazione sociale e di inclusione, offrendo un palcoscenico virtuale come nuovo
campo di sperimentazione artistica.
Nello stesso tempo, la Fondazione Teatro di San Carlo si propone con ON di
valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Napoli e della Campania, come
motore di attrazione dei flussi turistici internazionali.

Su on.teatrosancarlo.it sarà possibile trovare un palinsesto trasversale e un’esperienza
partecipativa di tematiche legate alla musica, alla cultura, al costume, alle radici
identitarie del Teatro di San Carlo. La piattaforma si muove in un’ottica di ampia
fruizione e ha come premessa editoriale avvicinare pubblici diversi.
I contenuti, disponibili a titolo gratuito o in modalità “pay per view”, sono divisi in
tre sezioni principali: Performances, Places, Stories. Ci saranno inoltre anche sezioni

pop -up, dedicate a programmi, momenti o rassegne speciali, per giovani registi e
visual artists.
Il palinsesto include grandi eventi trasmessi in esclusiva in live streaming, tesori
d'archivio e spettacoli d'opera distribuiti on demand, interviste ad artisti di fama
mondiale, speciali dietro le quinte e contenuti dedicati al racconto della città di
Napoli e del territorio campano. Su quest’ultimo aspetto, singolare il “viaggio”
raccontato da dieci giovani registi vincitori del bando Scena Aperta, autori di dieci
cortometraggi.
L’offerta editoriale verrà costantemente arricchita: un sistema aperto che consentirà a
produttori e imprese di valorizzare i propri contenuti e trovare spazi di visibilità e di
distribuzione, affinché la piattaforma divenga strumento di narrazione delle piccole,
medie e grandi imprese del territorio campano.
Enti, istituzioni, associazioni pubbliche e private, partner di prestigio hanno già
collaborato con la Fondazione Teatro di San Carlo per generare una nuova
consapevolezza sui temi della cultura, delle arti, della creatività.
Inoltre, sono stati già attivati stage di formazione e tirocini per il personale tecnico e
creativo con studenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, Università degli Studi
di Napoli Federico II e Università degli Studi di Salerno, Conservatori della
Campania, propedeutiche ad un inserimento al lavoro.
Grazie al prezioso contributo di Archivio Storico Luce e Rai Teche, ON è luogo di
memoria e innovazione, per rivivere le grandi vicende artistiche che hanno scandito
la storia del Massimo napoletano.
ON ospita anche film, documentari, corti di animazioni prodotti da istituzioni
culturali, case di produzione, registi indipendenti e associazioni che da sempre si
muovono nel territorio per la valorizzazione di giovani talenti. Tra i partner
attualmente figurano: Rai Teche, Istituto Luce, Istituto Italiano di Studi Filosofici,
Accademia di Belle Arti di Napoli, Film Commission Regione Campania, Mad
Entertainment, Parallelo 41, Bronx Film, Associazione Gioco Immagine Parole,
Artecinema, Casa del Contemporaneo, Giano Bifronte.
ON è un servizio di streaming accessibile senza abbonamento all’indirizzo web
on.teatrosancarlo.it e, dal 23 maggio, visibile attraverso la app per Android e iOS.

La registrazione è gratuita, con contenuti e approfondimenti disponibili
gratuitamente, oltre al noleggio di contenuti premium, nello specifico la sezione
Opera al costo di 4,90€, la sezione Ballet al costo di 2,90€ e la sezione Concert al
costo di 1,90€, e l’acquisto di eventi in live streaming al costo di 9,90 €.
La progettazione e la realizzazione della piattaforma ON – Il Teatro delle Culture è
stata affidata a TIM attraverso procedura ad evidenza pubblica e include, oltre al
portale web e all’applicazione mobile, un’infrastruttura tecnologica.
L’infrastruttura dedicata al Teatro San Carlo, tecnologicamente all’avanguardia,
permette di gestire tutte le fasi: dalla produzione sino alla distribuzione di contenuti
video live e on-demand, grazie a protocolli di comunicazione digitale di ultima
generazione.
Le telecamere installate sono ad altissima risoluzione, con un sistema completo di
controllo camera robotizzato e un impianto di ripresa audio sul palco; tutti i segnali
provenienti dalle diverse sorgenti sono raccolti, mixati e registrati in sale regia video,
sale regia audio e sale di montaggio, queste ultime realizzate ottimizzando spazi
interni al Teatro, nell’ambito di un intervento di riqualificazione tecnologica e
strutturale.
“La Fondazione Teatro di San Carlo compie con ON – Il Teatro delle
Culture un nuovo passo in avanti nella diffusione della cultura italiana nel mondo –
afferma il sovrintendente Stéphane Lissner – puntando su nuove forme di fruizione e
valorizzazione del patrimonio artistico e culturale. Attraverso i nuovi linguaggi, il
San Carlo intende continuare a svolgere quella fondamentale funzione civile e sociale
che è la mission di un teatro pubblico. ON, infatti, nasce all’insegna dell’inclusività
ponendosi come obiettivo il raggiungimento del più alto numero di partecipanti
possibile”.
“Oltre alle produzioni artistiche – dichiara il direttore generale Emmanuela Spedaliere
– la piattaforma racconterà non solo i luoghi della nostra città e della nostra regione,
ma anche tutte le progettualità trasversali che nascono attorno al San Carlo, dagli
educational ai progetti speciali. In questo modo speriamo che ON possa diventare nel
tempo un vero e proprio attrattore turistico. Una sezione specifica inoltre sarà
dedicata alla formazione, confermando l’attenzione che da sempre il San Carlo ha
verso le generazioni future”.

Articoli recenti