giovedì 29 Luglio 2021
HomePoliticaTerracciano (SiAMO anastasiani): "Lettera ad un mai sindaco"

Terracciano (SiAMO anastasiani): “Lettera ad un mai sindaco”

Sant’Anastasia. Riceviamo da Ciro Terracciano, candidato con SiAMO anastasiani una lettera che di seguito pubblichiamo.

Gentile candidato Sindaco,

mi presento: sono Ciro Terracciano, ho 30 anni (che compierò il prossimo 19 settembre) e sono un ragazzo che ha ‘sgobbato’ sui libri, ha conseguito la laurea e ha iniziato a lavorare senza lasciare il suo paese (ho anche rinunciato ad alcune offerte di lavoro per restare nel posto che mi ha visto crescere).

A dire il vero lavoro da quando frequentavo la scuola media, nel periodo estivo, da giugno a settembre:

ho iniziato in campagna, aiutando i miei nonni e la mia famiglia, e le garantisco che era molto faticoso (forse per la tenera età).
Poi ho imparato a fare l’idraulico, perché, finito l’anno scolastico mi stancava solo l’idea di restare a casa a girarmi i pollici. Volevo impegnare le mie giornate.
Durante gli studi universitari, per “auto finanziarmi” e non essere un peso, ho consumato una decina di scarpe facendo il cameriere nel fine settimana, privandomi dei miei “weekend di divertimento” (senza nessun rimpianto)
Ed oggi sto costruendo il mio Futuro lavorando in un’azienda, non molto lontano da casa, con colleghi fantastici ed un Leader unico.

Ho scritto “Lettera ad un MAI SINDACO” perché se un candidato non crede nei giovani, che sono il ponte verso il futuro, come può definirsi SINDACO? E come potrebbe un ragazzo (o un genitore) riporre fiducia in Lei ? Chi non crede nei giovani, non crede nel futuro del proprio paese.

Tutto questo per rasserenarla che a Sant’Anastasia ci sono persone che, almeno quanto me, hanno sgobbato e che lavorano onestamente senza “pacche sulla spalla” !

C’è chi decide di partire e chi decide di restare. Ognuno con le proprie ragioni e con la consapevolezza di ciò che sarà.

Se vuole, gliele presento…”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti