giovedì 13 Agosto 2020
Home Cultura e Spettacoli Terre del Sud: al via con Salatiello, chef della Ssc Napoli e...

Terre del Sud: al via con Salatiello, chef della Ssc Napoli e la giornalista Nadia Verdile

TORRE DEL GRECO. Terre del Sud: taglio del nastro in grande stile con Salatiello, chef della Ssc Napoli e Nadia Verdile aspettando il gran galà.

Taglio del nastro, il 18 giugno presso il Gora Club di viale Campania a Torre del Greco, del primo evento/gala dedicato alle eccellenze campane “Terre del Sud”. La kermesse, promossa dalla cooperativa sociale “Anchioleali”, con direzione artistica di Rosario Rivieccio e in partenariato con il Ministero dei Beni Culturali, la Regione Campania, il Comune di Napoli, Caserta, Salerno e province, la Coldiretti, il Touring Club Campania, la Camera di Commercio di Napoli, la Coldiretti, Napoli Città Metropolitana, Federalberghi-Costa del Vesuvio, gli istituti superiori “Cavalcanti” di Napoli, “Degni” e “Francesco D’Assisi” di Torre del Greco, “Francesco De Gennaro” di Vico Equense, e tante altre realtà associazionistiche del territorio,  si protrarrà fino al 25 giugno e si concluderà quel giorno con il Gran Galà teso a premiare eccellenze campane che si sono distinte in diversi settori: premio alla carriera per l’artista Eugenio Bennato; premio al giornalismo e all’editoria per Nadia Verdile e Antonello Perillo; premio allo spettacolo per Paolo Caiazzo; premio Città di Torre del Greco per l’imprenditore Mauro Ascione; premio botteghe artigiane per la sartoria Attolini di Napoli e molti altri.

Aperta, giovedì 18, la mostra di eccellenze con l’esposizione di oltre 40 quadri e sculture degli artisti: Antonio Irlanda, Rita e Maria Cuciniello, Gennaro Eroico, Marco Di Maio, Tiziana Esposito, Perna Vincenzo, Teresa Bisogno, Giuseppe Aprea, Rosa Cozzolino, Francesco e Stefano Formisano, Gelsomina Sannino, Carlo Esposito, Salvatore Buonandi, Piera Castellano, Vanna di Vuolo; opere futuristiche di Assunta Improta e manufatti realizzati dalla cooperativa sociale che gestisce; presepi del “Gruppo il Presepe” di Torre del Greco coordinato da Giovanni Cardone con lavori di Enrico Cigliano, Angelo Borriello, Franco Forlano, Giacomo Benevento, lavori in terracotta di Andrea Scala; opere in corallo e cammei di Aniello Pernice con montature di Giuseppe Granato; vino e prodotti manufatti realizzati dalla cooperativa “Selva Lacandona” di Ciro Corona; Abiti couture di Mega-ann nuovo brand nato dagli stilisti di Susy Esposito esposti nell’atelier Alba Chiara di via Toledo a Napoli; abiti artistici realizzati dalla scuola di moda del Liceo Artistico “Degni” di Torre del Greco; lavori e manufatti della scuola “Francesco d’Assisi” di Torre del Greco; degustazioni enogastronomiche con prodotti tipici offerte dagli istituti alberghieri “Cavalcanti” e “De Gennaro”.

- Advertisement -

Ieri, 19 giugno, si è svolta l’Open Day, giornata di cultura, confronti, dibattiti culturali e workshop. Dopo il coffe break ha avuto inizio la tavola rotonda “Il turismo e le potenzialità economiche strutturali dei nostri territori ala luce della nuova Legge Regionale per un futuro sostenibile”, a cui hanno preso parte Giovanni Pandolfo, Console Regionale Touring Club Campania, Angelo Pica, presidente Costa del Vesuvio, Antimo Manzo e Italo Talia, autori del libro “Il tempo e la storia”, edito da Pironti, e Ciro Salatiello, lo chef della SSC Napoli e autore del libro “Gli ingredienti di una vita” edito da Polidoro. “Il turismo non decolla nelle nostre terre – ha detto Pandolfo- perché il più delle volte manca cognizione di causa, conoscenza e formazione negli amministratori e in chi è deputato a garantire infrastrutture, progetti e iniziative”. Ciro Salatiello, invece, ha svelato alcuni segreti racchiusi nel suo libro su alcune delle ricette più rappresentative della tradizione culinaria napoletana come il Casatiello, la Pastiera e il Ragù. Grande fermento, poi, per il seminario delle 15 sullo scottante argomento della Terra dei Fuochi a cui hanno partecipato la giornalista del Mattino, Nadia Verdile, autrice del libro “La Reggia di Carditello. Fasti e Feste, furti ed aste, angeli e redenzioni”, edito da Ventrella, che per la sua battaglia per il recupero della Real Tenuta Borbonica ha ricevuto minacce di morte, il docente-biologo casertano Lorenzo Piccolo, il vice presidente del consiglio comunale di Napoli Marco Nonno, autore del libro “Pianura 2008. I giorni della monnezza”, gli editori Ettore e Roberta Ventrella, il responsabile relazioni esterne di Coldiretti Nicola Rivieccio. “La Reggia di Carditello, antico splendore dell’epoca borbonica – ha detto la Verdile – ha subito negli anni furti e depredazioni. Messa all’asta nel 2011 è ritornata allo Stato il 9 gennaio del 2014 grazie all’intervento dell’ex Ministro Massimo Bray. Poi ci sono state minacce da parte della criminalità, la Fondazione che doveva nascere è ferma e l’attuale Ministero dei Beni Culturali tace. Dobbiamo chiederci perché e, insieme, tutti, soprattutto i giovani, non dobbiamo fermare questa e molte altre battaglie”. Interessanti, poi, i dati forniti dal biologo Lorenzo Piccolo in cui è emerso che da un rapporto del 2013 in Campania sono risultati circa 600 siti inquinati a fronte dei 4mila della sola Lombardia e che l’81% di essi si trova da Roma a salire. Inoltre, Piccolo, ha illustrato il problema della diminuzione del Pil nel Mezzogiorno dopo la legge sul Federalismo Fiscale. Poi, prodotti sani e autentici stato l’argomento affrontato dai rappresentanti di Coldiretti, che sostengono l’evento con prodotti Doc come l’albicocca del vesuviano, il pomodoro San Marzano, la ciliegia della Recca, limone di Sorrento IGP e tanti altri prodotti nostrani promossi con Campagna Amica. “Coldiretti con Campagna Amica – ha detto Nicola Rivieccio – si impegna per la valorizzazione delle risorse agroalimentari del territorio con la promozione dei pregi nutrizionali e di sapore che costituiscono un contributo per garantire, oltre che sana alimentazione per i cittadini, la continuità di opportunità di sviluppo sostenibile locale”. A deliziare la giornata culturale un banchetto con la degustazione di primizie culinarie realizzate dall’Istituto “Cavalcanti” di Napoli tra formaggi, salumi, primi, secondi, fritture, dolci e specialità varie. La mostra di eccellenze si protrarrà fino al 25 giugno e sarà visitabile gratuitamente presso il Gora  Club, in viale Campania 15 a Torre del Greco, ogni giorno dalle 18 alle 22. Il 25 giugno è il grande giorno del Galà: interverranno molti dei premiati, Eugenio Bennato ritirerà il premio ed eseguirà alcuni dei suoi più noti brani; si esibirà il Coro Giovanile del San Carlo, il tenore Francesco Todisco, i giovani emergenti Antonio Colantuono, Daniela Federico e Raffaele Battiloro. Presenteranno la serata Marianna Mercurio e Nello De Martino, dopo la premiazione la cena di Gala presso il ristorante Villa Federico con le delizie culinarie dei più grandi chef stellati campani.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Somma. Il sindaco: “Vietati gli assembramenti, usate la mascherina e quarantena per chi rientra dall’estero”

Somma Vesuviana. Di Sarno: “Obbligatoria la mascherina al chiuso, sempre! Tassativamente vietato entrare in tutti i luoghi chiusi senza la mascherina. Si raccomanda comunque...

Nella notte di San Lorenzo scopre una falsa associazione con 24 lavoratori in nero spacciati per “volontari”

Pozzuoli. Il Gruppo della Guardia di Finanza di Giugliano, nel corso di diversi controlli operati la notte di San Lorenzo nei confronti di aziende del...

Cerimonia per Immobile: “Non c’è gloria, non c’è vittoria senza il sacrificio”

FOTOGALLERY di Alfonso Auriemma Torre Annunziata. Non è la prima volta che il figliuol prodigo torna a casa, ma mai così decorato, mai con tanti...

Usura ed estorsione a Castellammare, in carcere anche il terzo uomo

CASTELLAMMARE DI STABIA. Arrestato il giovane 29enne si è costituito oggi pomeriggio alle 19. É stato arrestato anche il terzo indagato che questa mattina è...

Frana in Valtellina, tre morti. Bimbo in codice rosso al Giovanni XXIII

CHIESA IN VALMALENCO (SO).  Tre persone sono morte a causa della frana staccatasi nel tardo pomeriggio a Chiareggio, in Valtellina. Lo comunica Areu specificando che...
- Advertisment -