mercoledì 21 Aprile 2021
HomeCronacaTerribile vendetta. Una mamma uccide la figlia di soli due anni e...

Terribile vendetta. Una mamma uccide la figlia di soli due anni e poi tenta il suicidio

Cisliano, in provincia di Milano si è consumata una terribile tragedia questa notte. Una donna di 41 anni ha ucciso la propria bambina di due anni, poi all’una di notte telefonato l’ex marito dicendo “Nostra figlia non esiste più”. L’uomo avrebbe avvisato i carabinieri raccontando di essere stato contattato dalla ex moglie di essere stato avvisato che la loro bambina era morta. Una volante è andata sul luogo, non rispondeva nessuno e per questo hanno fatto irruzione, e sul letto hanno trovato la bambina morta e la donna priva di sensi al suo fianco, probabilmente ha tentato il suicidio dopo il terribile infanticidio.

Ora la donna è ricoverata adesso all’ospedale Fornaroli di Magenta, si è procurata delle ferite al braccio e forse ha ingerito dei tranquillanti. Si sta indagando sulla vicenda, molto probabilmente è una vendetta trasversale nei confronti del suo ex, ma di mezzo è finita una povera anima innocente.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti