lunedì 13 Luglio 2020
Home Cultura e Spettacoli Terrorismo basco e Eta, presentazione del libro Il Commensale di Ybarra

Terrorismo basco e Eta, presentazione del libro Il Commensale di Ybarra

NAPOLI. Mercoledì 13 novembre 2019, ore 18:30 A Il tempo del vino e delle rose Piazza Dante, 44/45, 80135 Napoli NA  Presentazione di  Il Commensale di Gabriela Ybarra
Con Enza Alfano, Maria Concetta Marzullo e Marco Ottaiano.

Il Commensale (Titolo originale: El Comensal) di Gabriela Ybarra è il secondo romanzo dopo Patria di Aramburu che affronta il tema del terrorismo basco e dell’ETA, longlisted al Man Booker International Prize e vincitore del Premio Euskadi de Literatura.
Nel 1977 un comando dell’ETA sequestra Javier Ybarra, politico appartenente all’aristocrazia industriale basca. Gabriela Ybarra conosce questa storia sin da bambina, ma solo nel 2011, a seguito della malattia della madre, riscopre la traccia di quel crimine dietro ai silenzi e agli interrogativi sulla sua famiglia. Attraverso i ricordi, compone un dialogo interiore con la morte, un mosaico di eventi, immagini e parole che formano una mappa della sua identità. Dal dolore privato e biografico della perdita appare la tragedia pubblica, in cui la vicenda familiare si confonde con la storia del proprio paese.
«Un libro unico, necessario, sprigiona umanità e naturalezza. Chi ha bisogno di una carriera letteraria quando ha già scritto un libro irripetibile?». JAVIER RODRÍGUEZ MARCOS, El País
«Una letteratura che non ha nemmeno un aggettivo superfluo». JUAN CRUZ RUIZ, El País
«Leggendo si assiste al mistero per cui la vita di un altro diventa una questione personale. Più che di un romanzo si tratta di una lettera rivolta a te». JUAN JOSÉ MILLÁS, Diarios del Grupo Editorial Prensa Ibérica
GABRIELA YBARRA è nata a Bilbao nel 1983. Laureata in Amministrazione e Organizzazione Aziendale all’Università Pontificia de Comillas, si specializza in Marketing all’Università di New York. Attualmente vive a Madrid dove scrive occasionalmente per El País, compie studi di mercato e si dedica all’analisi di alcuni canali social. Il Commensale è il suo primo romanzo; nel 2016 vince il premio Euskadi de Literatura e nel 2018 è tra i finalisti al Man Booker International Prize. L’opera è stata già tradotta in lingua inglese con il titolo The Dinner Guest (Harvill Secker, 2018).
La collana I Selvaggi è la collana di narrativa straniera di Alessandro Polidoro Editore diretta da Marco Ottaiano. La vastità del mondo di lingua spagnola ha richiesto una collana a sé per soddisfare la nostra vocazione di dare uno spazio agli autori contemporanei più influenti dei loro paesi, spesso ancora ignoti in Italia. Tra antologie tematiche, romanzi e racconti d’autore, I Selvaggi conducono il lettore nel mondo della letteratura spagnola e ispano-americana di oggi.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

PALLAVOLO B1: Giovanna Aquino rinnova con l’Arzano Volley

GIOVANNA AQUINO: LE GIOVANI DELL'ARZANO VOLLEY SONO PRONTE ED AMBIZIOSE Giovanna Aquino ricomincia da tre. Dopo la seconda stagione in maglia arzanese interrotta per le...

Due rapine in una sola notte: 25enne arrestato dai carabinieri

Ottaviano. Due rapine in una sola notte: 25enne arrestato dai carabinieri. I militari della Stazione di Ottaviano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in...

Clonato il sito Zorro.it dell’anastasiano Granata

Sant'Anastasia. Negli ultimi giorni sono arrivate numerose segnalazioni alle autorità competenti da parte di utenti che hanno subito una truffa acquistando polizze assicurative rc...

Coronavirus, encomio ai Biologi dell’Azienda dei Colli. D’Anna: “Eroi sconosciuti che fanno onore all’umanità”

NAPOLI. Encomio solenne per i Biologi che lavorano nei laboratori degli ospedali dell’Azienda dei Colli - Monaldi - Cotugno - C.T.O. di Napoli, impegnati,...

Casamarciano. Rivieccio, Ciufoli e Gallo sul palco del festival, Galimberti parlerà ai giovani

CASAMARCIANO. Gino Rivieccio, Massimiliano Gallo, Roberto Ciufoli sul palco del festival del teatro "Scenari Casamarciano". E poi ancora un omaggio al grande Ennio Morricone...
- Advertisment -