mercoledì 22 Settembre 2021
HomeCronacaTragedia Cardito, Borrelli visita la sorellina:"Ferocia disumana"

Tragedia Cardito, Borrelli visita la sorellina:”Ferocia disumana”

Bimbo morto in casa a Cardito, Borrelli (Verdi) visita la sorellina ricoverata in codice rosso al Santobono: “ferocia disumana di fronte alla quale si resta sgomenti. Se confermato che l’uomo indagato fosse alcolizzato sarebbe gravissimo. Plauso al primario rientrato in servizio per accudirla

“Si resta sgomenti di fronte alla ferocia umana che si è abbattuta su due poveri bimbi, uno rimasto ucciso e la sorellina ricoverata al Santobono in codice rosso con tumefazioni sul viso e su tutto il corpo. I colpi inferti, sembra, dal convivente della madre con un oggetto contundente. Se fosse confermata l’indiscrezione che l’indagato fosse un alcolizzato si tratterebbe di una circostanza di inaudita gravità per la quale chiediamo che sia fatta giustizia subito e nella maniera più severa possibile”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, all’uscita dell’ospedale pediatrico Santobono dove si è recato per verificare le condizioni di salute della piccola.

“Voglio ringraziare tutto il personale medico e infermieristico del Santobono, la direttrice Anna Maria Minicucci e il primario del Pronto soccorso Vincenzo Tipo – ha proseguito Borrelli – poiché molti operatori sono rientrati spontaneamente in servizio per assistere la piccola e sfortunata paziente. La bimba avrà bisogno di assistenza medica e psicologica perché non sa ancora che il fratellino è morto nel corso della tragedia che si è consumata nella sua abitazione”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti