giovedì 6 Ottobre 2022
HomeCronacaTravolta e uccisa sul lungomare di Napoli, addio alla giovane Elvira Zibra

Travolta e uccisa sul lungomare di Napoli, addio alla giovane Elvira Zibra

A tutta velocità sul lungomare di Napoli, senza casco ed impennando con la moto. A farne le spese una giovane donna, travolta dal centauro, che è morta dopo alcune ore di agonia.
La vittima si chiamava Elvira Zibra, ed aveva 34 anni. Stava attraversando la strada quando è sopraggiunto il mezzo che l’ha travolta. Il fatto è accaduto poco le 3.35. La donna è stata portata all’ospedale “San Paolo” di Napoli ed è morta alcune ore dopo.
Sull’incidente la magistratura ha aperto una inchiesta.
Secondo quanto riferito, in una nota, dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, il centauro sfrecciava a tutta velocità con una moto di grossa cilindrata, secondo alcuni testimoni a più di cento all’ora, e stava impennando: così avrebbe perso il controllo del mezzo, centrando la giovane che stava attraversando. Ipotesi che però è ancora al vaglio degli agenti della polizia locale di Napoli. Andava così veloce che la sua corsa si è arrestata solo circa 500 metri dopo. Anche una ragazza che viaggiava in sella alla moto è rimasta ferita ma le sue condizioni, come quelle del conducente, non destano preoccupazioni.
Un altro gravissimo incidente che ha riacceso la polemica sulla sicurezza di via Caracciolo perché, denuncia Borrelli, “i veicoli sfrecciano velocemente, soprattutto nelle ore notturne e bisogna intervenire con fermezza”.
Forza Italia, invece, chiede all’assessore comunale di Napoli alla mobilità, Edoardo Cosenza, di istituire ad horas un autovelox su via Caracciolo. “All’altezza di via Caracciolo e di Mergellina le segnalazioni di pedoni in pericolo sono all’ordine del giorno”, si legge in una nota.

Anche il fratello di Elvira aveva subito la stessa sorte solo otto mesi fa: Mustapha Zriba (la loro famiglia è originaria della Tunisia) venne infatti investito da un’auto pirata a Pianura, un quartiere della periferia occidentale di Napoli. Fu ricoverato in ospedale, ma morì alcuni giorni dopo per le gravi ferite riportate. Mustapha, 36 anni, si trovava su una bicicletta elettrica, quando venne colpito da un’auto che non si fermò: il conducente è stato rintracciato successivamente grazie alle immagini di alcune telecamere.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti