domenica 5 Dicembre 2021
HomeCronacaUltimo carico prima del lockdown: arrestato con mezzo kg di marijuana

Ultimo carico prima del lockdown: arrestato con mezzo kg di marijuana

VICO EQUENSE. I carabinieri della stazione di Vico Equense hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio un incensurato 36enne del posto, sorpreso in possesso di circa 400 grammi di marijuana. Una pattuglia impegnata in un posto di controllo nel centro cittadino ferma l’auto condotta dal giovane uomo. Alla richiesta dei documenti il soggetto appare ai militari particolarmente nervoso. Così, approfondendo il controllo, gli operanti ispezionano il veicolo e trovano sotto al sedile una busta con quasi 300 grammi di marijuana. Andando a perquisire anche l’abitazione del fermato spuntano altri 100 grammi di “erba” e alcune centinaia di euro in banconote di piccolo taglio. La sostanza stupefacente e il denaro, ritenuto provento dell’attività di spaccio, sono stati sottoposti a sequestro. Mentre ai polsi dell’insospettabile 36enne sono scattate le manette ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti