Home Cultura e Spettacoli Umberto Zoccoli presenta “Napoli: un cerimoniale per la città”: ecco i segreti...

Umberto Zoccoli presenta “Napoli: un cerimoniale per la città”: ecco i segreti del “cerimoniere democratico”

zoccoli

Napoli. Nella Sala capitolare di San Domenico Maggiore si è tenuta la presentazione del libro “Napoli: un cerimoniale per la città” di Umberto Zoccoli, edito dalla libreria Dante & Descartes.

Umberto Zoccoli classe ’56 si è laureato nel 1981 in Scienze Politiche all’Università L’Orientale di Napoli e quattro anni dopo fu assunto con concorso pubblico, al Comune di Napoli. Nella sua attività ha collaborato con i Sindaci che si sono succeduti al governo della città ed ha accolto numerosi ospiti e visitatori illustri venuti da ogni parte del mondo. E’ stato nominato, inoltre, Cavaliere al Merito della Repubblica.

Zoccoli – dirigente del servizio cerimoniale e relazioni internazionali – in questa sua opera racconta dell‘importante funzione di un ufficio cerimoniale nelle istituzioni pubbliche. L’autore svela regole, prassi e consuetudini, ma richiama anche a quella duttilità nell’agire dettata dal buon senso, nello svolgere un’attività complessa e delicata ed, allo stesso tempo, fondamentale per il funzionamento delle istituzioni. Trattandosi del cerimoniale di una grande e storica città, significa cercare di difendere e consolidare il ruolo di Napoli nel contesto nazionale e internazionale, di grande capitale europea.

Il libro è impreziosito anche dalla prefazione di Nino Daniele nella quale definisce l’autore “cerimoniere democratico del suo tempo” e dall’introduzione storica del professore Guido D’Agostino.

Alla presentazione, con l’autore, sono intervenuti il professore Nino Daniele, lo storico Guido D’Agostino e l’artista Lello Esposito. Hanno partecipato anche l’assessore alla Cultura del Comune di Napoli Anna Maria Palmieri, l’avvocato Riccardo Marone già Sindaco di Napoli, oltre gli attori dell’Accademia Vesuviana del Teatro  e del Cinema di Gianni Sallustro e della Talentum production di Marcello Radano. L’incontro è stato coordinato dal giornalista Luigi Vicinanza.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Nessun commento